Varese

Varese, i festival di Teatro Blu guardano al territorio in ottica Expo

La presentazione dei due festival targati Teatro Blu. Da destra, Massironi, Galli, Priori e  Della Chiesa

La presentazione dei due festival targati Teatro Blu. Da destra, Massironi, Galli, Priori e Della Chiesa

Due cartelloni ricchi di eventi sulla lunghezza d’onda di Expo: è la proposta di Teatro Blu fondato e diretto da Silvia Priori. Sono state lanciate ieri mattina, a Villa Recalcati, nel corso di un’affollata conferenza stampa, “Varese Festival dei Mondi”, che si terrà nella città giardino dal 20 al 29 giugno, e “Terra e Laghi. Festival di teatro nell’Insubria”, in programma dall’1 luglio al 22 novembre. Due proposte che, fatto un percorso di maturazione negli scorsi anni, oggi si presentano all’appuntamento con Expo in versione ancora più internazionale. E, a quanto è stato comunicato dagli organizzatori, pronte – nell’anno della grande Esposizione – a volare ancora più alto, in grado di richiamare l’attenzione di chi arriverà da fuori.

Schierate tutte le istituzioni, presenti molte realtà teatrali e culturali, al tavolo diversi operatori dei media. Non è cosa usuale trovarsi di fronte ad una proposta di così ampio respiro come quella firmata dalla Priori e dal suo Teatro Blu.

“Entrambe le manifestazioni continuano la tradizione di essere rilevanti al di là del territorio varesino – sottolinea il commissario straordinario della Provincia, Dario Galli -. E elementi importanti di quel ‘pacchetto-Varese’ che stiamo preparando in vista di Expo”. Due iniziative, insomma, che “quest’anno e l’anno prossimo – prosegue Galli – hanno l’ambizione di richiamare (e, magari, sorprendere) il pubblico di fuori provincia”. Sulle location individuate nelle grandi ville varesine interviene Paola Della Chiesa, direttore dell’Agenzia del Turismo della provincia, che ricorda come, nel caso di “Varese Festival dei Mondi”, “si è mantenuto un format che a Cadegliano era stato ampiamente sviluppato, portandolo però a Varese, e questo per consentire una maggiore affluenza di pubblico”. Quanto a “Terra e Laghi”, ha continuato il direttore dell’Agenzia, “sta diventando davvero un prezioso festival per tutta la regio insubrica”.

A confermare la qualità delle proposte targate Teatro Blu, sono intervenuti anche Carlo Massironi, segretario generale della Fondazione Comunitaria del Varesotto, Elena Botter, per la Camera di commercio di Varese, e l’assessore alla Cultura del Comune di Varese, Simone Longhini.

Tante le novità e i grandi nomi nelle due manifestazioni, che Silvia Priori squaderna con entusiasmo, ma anche con un filo di emozione, considerando questo esito così di alto profilo di due sue “creature” culturali, allevate in questi anni con tenacia e rigore.

Per quanto riguarda “Varese Festival dei Mondi” (dal 20 al 29 giugno), la manifestazione che la Priori ha sottolienato essere dedicata al maestro Gian Carlo Menotti fondatore del Festival dei due Mondi di Spoleto, a cui l’iniziativa varesina si richiama, gli eventi saranno ospitati presso le grandi Ville varesine, prestigiose dimore che sono il fiore all’occhiello della città giardino: Villa Recalcati, Ville Ponti e Villa Panza, bene, quest’ultimo, di proprietà del Fai (Fondo Ambiente Italiano). Il festival partirà con un significativo evento, “Uno sguardi verso Cadegliano”, il 20 giugno a Villa Recalcati, che segna la continuità e la discontinuità nello stesso tempo. Da quel momento via alla lunga serie di grandi ospiti: da Eugenio Bennato, che presenterà, in prima assoluta, il suo concerto “Sur”, a Gabriele Vacis che proporrà delle attese letture da “Libera Nos A Malo” di Meneghello (il 22 a Ville Ponti). E poi la compagnia Asante Kenia dall’Africa,  Kuniaki Ida dal Giappone, lo svizzero Daniele Finzi Pasca con il suo “teatro della carezza”, il balletto su Pinocchio di Alessandro Bigonzetti, ma soprattutto il mitico Lindsay Kemp, uno dei grandi “fondatori” del teatro contemporaneo.

Quasi senza soluzione di continuità partirà quindi “Terra e Laghi”, la rassegna a cavallo tra Lombardia, Piemonte e Canton Ticino, che taglia il traguardo della sua ottava edizione. 46 Comuni, centinaia di compagnie e di artisti diversi, una grande kermesse di teatro che dà corpo alla regio insubrica come grande prospettiva culturale. Un grande festival che mette in rete territori e proposte culturali in un’ottica innovativa. Si parte con “Tango di periferia”, spettacolo cult di Teatro Blu, l’1 luglio a Villa Recalcati.

 

 

15 maggio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs