Varese

Varese, Quagliariello (Ncd): senza di noi, moderati schiacciati tra Grillo e sinistra

Quagliariello e Cattaneo

Quagliariello e Cattaneo

Passaggio a Varese del coordinatore nazionale Ncd, Gaetano Quagliariello, ex ministro del governo Letta, che si è recato nella sede della Fondazione Lombardia Europa insieme al coordinatore regionale Alessandro Colucci e al coordinatore provinciale Raffaele Cattaneo. Presenti all’incontro anche gli ex assessori provinciali di Varese, Alessandro Bonfanti e Gianfranco Bottini.

Ha introdotto l’incontro con la stampa Raffaele Cattaneo, presidente del Consiglio regionale: “Con l’Ncd, Varese non è più la Cenerentola che doveva pagare pegno alla regina cattiva leghista, è finito il tempo in cui non si doveva disturbare il manovratore con la maglietta verde”.  Ora, per Cattaneo, “Varese torna ad essere protagonista, come dimostra la presenza del coordinatore nazionale Quagliariello, domani del ministro Maurizio Lupi e l’arrivo del segretario Angelino Alfano”. Per Cattaneo “l’Ncd ha messo in campo forze fresche, nuove energie, ha riacceso il fuoco della passione politica per molti giovani”. Gli ha fatto eco Colucci, che prevede, per le prossime Europee, il fatto che “l’Ncd raddoppierà la soglia minima”.

Quagliariello ha annunciato che dal 15 giugno partiranno i congressi cittadini e provinciali del nuovo partito, che non ha ricevuto una sola lira di finanziamento pubblico. Grande attenzione alle vicine elezioni Europee: “siamo come uno studente di buone capacità a cui abbiano anticipato di un anno l’esame di maturità: ci siamo concentrati al massimo, anche perchè non avremmo saputo da chi copiare…”, ha ironizzato l’ex ministro.

“Siamo una start up che ha riunito l’area moderata, i liberali cattolici, i laici riformatori – ha continuato Quagliariello -, e se non riusciamo a vincere la sfida, l’Italia sarà definitivamente consegnata al bipolarismo Grillo-sinistra. Noi non vogliamo essere cespugli di Renzi o di Grillo”. Sul fronte degli arresti legati ad Expo, pur mantenendo un atteggiamento di prudenza, si tratta di un fatto che mostra come “la cattiva politica rischi di ammazzare quella buona”. Comunque, a confronto con la prima Tangentopoli, “in questo caso le indagini non sono state strabiche, ma si sono orientate a 360 gradi”.

No, infine, alle promesse assistenzialistiche dell’ex Cavaliere, come Welfare per gli animali e dentiere. Imfine, sulla recente strage del mare, l’ex ministro Ncd ha detto: “qualcuno oggi dovrebbe farsi un esame di coscienza e ricordare che senza Mare Nostrum, i cadaveri sarebbero decine di migliaia”. C’è però urgenza che intervenga l’Europa: “Dopo avere fatto il suo dovere, l’Italia ha il diritto di esigere di non essere lasciata da sola”.

13 maggio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs