Varese

Varese, grande alleanza per due “autostrade” verdi. Garante la Lipu

parco_ticinoDifendere la biodiversità varesina attraverso due indispensabili “autostrade” verdi. È stato firmato a Villa Recalcati il “Contratto di rete”, un documento di governo territoriale che segna il culmine di un percorso i cui protagonisti sono Provincia di Varese, Parco Campo dei Fiori, Parco del Ticino e 50 Comuni della provincia con il sostegno di Regione Lombardia.

Il Contratto riporta anche la firma dei rappresentanti Lipu-Birdlife Italia e della Fondazione Cariplo, partner determinanti del progetto che si è concluso con la sottoscrizione di stamattina. Grazie al finanziamento concesso dalla Comunità europea e agli sforzi congiunti di Provincia di Varese, Regione Lombardia, Fondazione Cariplo e Lipu, nell’ottobre del 2011 è stato avviato il progetto Life “TIB – Trans Insubria Bionet”, portato a compimento dal Contratto di Rete sottoscritto in Provincia.

Scopo del documento siglato è preservare i due corridoi naturali che, costeggiando il Lago di Varese e attraversando la provincia da nord a sud, collegano il Parco Campo dei Fiori al Parco del Ticino proteggendone le fondamentali connessioni ecologiche, anche in un’ottica di congiunzione tra le Alpi e gli Appennini e, di conseguenza, tra il nord Europa e il Mediterraneo. Si tratta di corridoi essenziali per la vita di flora e fauna perché sia gli animali che le piante, per sopravvivere, hanno bisogno di muoversi, migrare, scambiare il proprio patrimonio genetico con altri esemplari.

Per il commissari straordinario della Provincia, Dario Galli, “non si tratta di un atto tanto usuale. Con questo ‘contratto’ sottoscritto dai tanti enti presenti, si garantisce, da un punto di vista urbanistico, l’esistenza di corridoi ecologici che preservano spazi non edificati per consentire i movimenti degli animali”. Una scelta “che deve essere portata nei Pgt dei Comuni”. Ma l’accordo dà riconoscimento anche “alla presenza di infrastrutture minime ad  uso degli animali che si muovono sul territorio”. 

Mario Nova, direttore Assessorato all’Ambiente di Regione Lombardia, rimarca “l’esito di un lavoro importante svolto in collaborazione con diverse realtà socio-economiche”. Un impegno che ha condotto a dare vita a “buone pratiche in un territorio così abitato e complesso come la provincia di Varese”. Facendo eco alle parole del rappresentante del Pirellone, Galli sottolinea che, in effetti, la Lombardia “è la regione più industrializzata, ma anche la prima regione agricola del Paese, un patrimonio straordinario da salvaguardare”.

Secondo Elena Jachia, direttore Area Ambiente della Fondazione Cariplo, “questo atto arriva grazie alla collaborazione tra vari enti e alla perseveranza”. “Alla base dell’accordo ci sono stati studi scientifici – dice la Jachia -, con la necessità di fissare l’obiettivo al di là delle piccole difficoltà che sono state superate”. Importante il finanziamento Cariplo, ma anche i fondi Ue (un milione e mezzo di euro). E proprio la Comunità Europea “chiede di suggellare la collaborazione con quest0 contratto di rete, a garanzia del buon utilizzo delle risorse economiche”.

Interviene anche Giuseppe Barra, presidente del Parco Campo dei Fiori, per il quale “questo atto è il punto di arrivo di un processo partecipato e non di una iniziativa calata dall’alto”. Presente anche Gian Pietro Beltrami, presidente del Parco del Ticino, che sottolinea il contesto istituzionale in movimento. “Quando le Province non esisteranno più, enti che hanno sempre sostenuto i parchi, dovremo diventare autosufficienti”.

Come afferma Massimo Soldarini, responsabile nazionale del settore Progetti Lipu Italia, “questo contratto vuole salvaguardare l’ambiente contro il continuo consumo di suolo agricolo e naturale che si verifica”. Ma soprattutto tutelare la grande ricchezza naturalistica del nostro territorio: il corridoio ha infatti 190 chilometri quadrati di superficie e 30 chilometri di lunghezza. Un’area con due parchi e 14 siti di interesse comunitario, con 11 specie di anfibi, 11 di rettili, oltre 250 specie di uccelli, 50 specie di mammiferi, centinaia di specie vegetali.

Conclude Camillo Danilo Selvaggi, direttore generale della Lipu, “abbiamo di fronte a noi un atto che non conosce eguali, con una portata istituzionale che lo rende  un’iniziativa d’avanguardia in Europa”.

 

 

 

13 maggio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, grande alleanza per due “autostrade” verdi. Garante la Lipu

  1. Gianni Ciano il 13 maggio 2014, ore 15:56

    con la crisi che c’è loro pensano all’autostrada per i rospi. INCREDIBILE.
    una manna per i professionisti della carta e delle…consulenze!
    andate a guardarvi i dettagli del progetto, c’è da rabbrividire

Rispondi

 
 
kaiser jobs