Milano

Milano, attacca il M5S: “Expo grande abbuffata. Va fermato subito”

Beppe Grilllo

Beppe Grilllo

Summit milanese per Expo. Ci sarà il premier Matteo Renzi, e i ministri Martina e Lupi nella sede di Expo in via Rovello. Ma sarà presente anche il magistrato Raffaele Cantone, chiamato dal premier Matteo Renzi, in qualità di presidente dell’autorità anticorruzione, a capo della task force per salvare l’Esposizione da corruzioni e infiltrazioni. Ma domani 13 maggio sarà anche il giorno del leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, che potrebbe dare vita ad un blitz anti Expo.

Beppe Grillo parteciperà a una conferenza stampa, insieme ai portavoce M5S in regione Lombardia e Comune di Milano, per denunciare gli scandali della “grande abbuffata Expo 2015″. Dicono i 5 Stelle: “Expo ci lascerà solo un’eredità di opere inutili e incompiute e un buco nel bilancio comunale, regionale e statale. Expo è una grande opera nata morta, tenuta artificialmente in vita per interessi economici di pochi, alcuni illeciti come sta dimostrando l’azione della magistratura, e ad alto rischio di infiltrazioni criminali”.

Continua il movimento di Grillo: “A denunciare l’abbuffata, fin da tempi non sospetti, solo il M5S, a livello comunale, regionale e nazionale, chiedendo di annullare Expo per fare una fiera diffusa e sostenibile e di estromettere aziende in odor di mafia, direttori garanti del malaffare e politici con reputazioni tutt’altro che rispettabili, fino alla visita ai cantieri di massa dei portavoce nel marzo scorso. Allora dicevamo: “sotto expo c’è di tutto” e ci rispondeva solo il più assordante dei silenzi e oscena propaganda dei giornali di regime, tutti allineati. “Expo porterà lavoro. Expo è una vetrina per il paese. Expo farà ripartire l’economia”. Balle. Expo è corruzione, infiltrazioni criminali, illegalità e tangenti. Expo va fermata subito”.

12 maggio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs