Varese

Varese, al chimico-artista Bertorelle dedicata una mostra in Provincia

Eugenio Bertorelle

Eugenio Bertorelle

Quando la scienza incontra l’arte. Un intreccio che si è verificato davvero nella vita e nell’opera di Eugenio Bertorelle, un chimico-artista come lo fu Primo Levi, che alla chimica affiancò la letteratura. Al varesino Bertorelle viene dedicata una mostra dal titolo “Germinazioni Galvaniche”, che sarà inaugurata sabato 17 maggio, a Villa Recalcati di Varese, alle ore 16 (si potrà visitare fino al 29 maggio). Una rassegna che, certo, non esaurisce la poliedrica ricchezza del personaggio, ma che può contribuire a riscoprirlo.

A presentare l’iniziativa è stata la figlia Alice, che ha spiegato i criteri della mostra a Villa Recalcati. “Non si tratta di una mostra antologica, ma di una mostra che indaga tre lati della biografia e dell’opera di Eugenio Bertorelle”. La mostra riguarda il profilo tecnico-scientifico; l’attività didattica svolta soprattutto all’Itis di Varese (oggi Isis Newton); l’opera artistica, che sarà proposta attraverso una trentina di bassorilievi e 15 sculture elettrolitiche. Non è stato approfondito, ad esempio, l’interessante produzione poetica del professore, spesso realizzata con originali endecasillabi.

E’ intervenuta alla presentazione della mostra anche la curatrice Elena Invernizzi, docente di arte all’Istituto comprensivo Pellico di Varese, che ha definito Bertorelle come “artista padrone della chimica, quasi fosse una mano divina”. La curatrice ha annunciato la realizzazione di un catalogo dell’opera che sarà proposto all’inaugurazione. E’ intervenuto anche Mario Banfi, che ha illustrato alcune iniziative collaterali alla mostra, come la visita alla Bassani Ticino che ospita un impianto galvanico, in programma martedì 20 maggio, alle ore 14.15, all’interno del ciclo di incontri della Camera di commercio di Varese, “I venti dell’innovazione”.

“Un uomo rinascimentale, Bertorelle – conclude il commissario straordinario della Provincia, Dario Galli -, capace di coniugare arte, cultura da una parte, e professione tecnica e industriale dall’altra. Una persona che ha contribuito a realizzare quelle eccellenze industriali che hanno fatto la differenza tra il nostro territorio e quello degli altri”.

 

12 maggio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs