Regione

Expo, Maroni: fiducia nella magistratura. Il Pd Alfieri: massima vigilanza

cantiere_sicurezzaReagisce tutto il mondo politico al terremoto che si è verificato sul fronte Expo. Interviene il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni. “Sono convinto dell’assoluta necessità di assicurare assoluta pulizia, prendo atto con piacere del fatto che il commissario unico Giuseppe Sala non sia coinvolto in alcun modo e gli rinnovo la fiducia, così come ho fiducia nell’operato della magistratura - ha detto in occasione della riunione della giunta in programma a Sondrio - Mi auguro che quanto successo non abbia ricadute sulla prosecuzione dei lavori e che tutte le opere vengano realizzate. È lo stesso auspicio fatto dai magistrati, che condivido pienamente. Questo è l’obiettivo comune a tutti”.

Il presidente Maroni ha dichiarato che si sentirà “con il commissario unico, con il sindaco di Milano e con il Governo, per fare una valutazione comune. Mi auguro che non ci siano problemi insormontabili. Prendo atto delle dichiarazioni dei magistrati, secondo i quali con questa operazione abbiamo consentito a Expo di ripartire al più presto. Mi auguro che sia così, però una valutazione più precisa potrò farla solo nelle prossime ore, dopo che avrò sentito tutti i soggetti istituzionali coinvolti alla realizzazione dell’Esposizione universale”.

Interviene anche il segretario regionale del Pd, Alessandro Alfieri: “Ribadiamo la nostra piena fiducia nel lavoro della magistratura. A noi interessa che Expo possa andare avanti. Ma andare avanti bene con la massima garanzia sulla trasparenza degli appalti per evitare infiltrazioni della criminalità organizzata ma anche di lobby affaristiche di vario genere. E’ necessario tenere alta la guardia. Le istituzioni devono remare nella stessa direzione per far sì che nell’ultimo anno degli appalti e delle procedure Expo sia garantita la massima regolarità. Non possiamo ammettere errori”.

8 maggio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs