Varese

Varese, il Ponte del Sorriso dona due ecografi di ultima generazione

Presentata la donazione della Fondazione Ponte del Sorriso

Presentata la donazione della Fondazione Ponte del Sorriso

Un altro passo importante all’Ospedale del Ponte verso il polo materno-infantile. Al quarto piano del Del Ponte la Fondazione Ponte del Sorriso, rappresentata dal presidente Emanuela Crivellaro, ha donato all’ospedale un ecografo ed un ecocardiografo di ultimissima generazione. Inoltre ha reso possibile la nascita di un ambulatorio ottorino-pediatrico e di un punto di primo intervento pediatrico. Donazioni per un valore complessivo di 400 mila euro.

Accanto alla Crivellaro e alle tante volontarie che prestano servizio in Pediatria, erano presenti tutti i primari o loro delegati del Dipartimento Materno Infantile, “una squadra unita”, come ha sottolineato il dottor Agosti. Presente anche Max Cavallari dei Fichi D’India, testimonial della raccolta fondi per l’ecocardiografo, che si è recato nelle stanze a trovare i bambini, facendoli ridere e annunciando che in autunno organizzerà Colorado a Varese, per Il Ponte del Sorriso. La Crivellaro ha dichiarato: “La nostra fondazione da sempre agisce su due fronti, sostenendo l’acquisto di apparecchiature e arredi, ma anche realizzando percorsi di accoglienza e attività che aiutino i bambini ad affrontare la malattia e la sofferenza. Non possiamo pensare di avere guarito un bambino fisicamente, senza aver preservato la sua integrità psicologica”.

Come ha sottolineato il dg dell’Azienda ospedaliera Callisto Bravi, “la Fondazione Ponte del Sorriso Onlus, con queste ingenti donazioni, è un sostegno molto importante per il nostro ospedale. I due ecografi sono apparecchiature di cui avevamo necessità per garantire indagini diagnostiche accurate. Per quanto riguarda l’ambulatorio di Otorino Pediatrico sono stato io a richiedere alla fondazione di acquistare le attrezzature perché questo permetterà di visitare i bambini qui e ridurre al minimo indispensabile i trasferimenti dal Ponte al Circolo per le consulenze. Ci sono poi altri progetti che porteremo avanti con la fondazione, anche sotto l’aspetto di attenzione alla persona.”

Per il direttore di Dipartimento dottor Massimo Agosti, “queste  donazioni da parte della cittadinanza dimostrano che ce la possiamo fare, anzi, che ce la stiamo già facendo, a realizzare un ospedale materno infantile. Un progetto così ha bisogno di alta tecnologia come quella che riceviamo oggi, ma non basta. Occorre anche umanità e accoglienza, come quella che Il Ponte del Sorriso Onlus ha messo nel Punto di Primo Intervento Pediatrico. E occorre un gruppo affiatato, che lavora in sintonia, come siamo noi.”

 

7 maggio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs