Varese

Varese, riapre il Museo Pogliaghi. Maroni: “un’ottima notizia”

Il presidente Roberto Maroni

Il presidente Roberto Maroni

Riapre al Sacro Monte di Varese la Casa-Museo di Lodovico Pogliaghi, una delle gemme della montagna sacra varesina e di tutta la Città giardino. Una riapertura resa possibile grazie al finanziamento di 100.000 euro per il restauro e la messa in sicurezza degli ambienti, stanziati dall’Assessorato regionale nell’ambito di una più ampia valorizzazione del Patrimonio Unesco dei Sacri Monti di Lombardia e Piemonte.

Un taglio del nastro importante, su cui interviene il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni: “Un’ottima notizia – commenta Maroni -, soprattutto se collocata in un’ottica di valorizzazione del Sacro Monte di Varese in vista di Expo e dopo questo evento internazionale”.

Continua Maroni: “Stiamo investendo parecchio sul Sacro Monte di Varese e voglio confermare che il parcheggio alla Prima Cappella lo realizzeremo, il parcheggio si farà, nonostante le polemiche: ma ci sono sempre quelli contrari”.

Per il presidente della Lombardia “il Sacro Monte di Varese è una risorsa unica al mondo intensificando scambi e rapporti tra i vari Sacri Monti della Lombardia, grandi beni riconosciuti dall’Unesco. E l’investimento che stiamo facendo porterà flussi turistici internazionali significativi, che costituiscono per Varese un importante ritorno. Stiamo seminando parecchio e sono convinto che Varese farà un bel raccolto”.

5 maggio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Varese, riapre il Museo Pogliaghi. Maroni: “un’ottima notizia”

  1. Daniele Zanzi il 5 maggio 2014, ore 20:39

    Il Presidente Maroni sta facendo un grossolano errore nell’ avvallare questa scelta del parcheggio alla Prima cappella. Forse dovrebbe valutare bene tutti i documenti. Lo ha fatto ??

  2. Franco Luchini il 6 maggio 2014, ore 15:44

    Saluto e ringrazio il dott. Zanzi che mi ha dato la possibilità di firmare contro il parcheggio e rimango stupito nel leggere l’affermazione del Presidente della Regione; l’entità della spesa rapportata a soli 93 posti auto, la locazione del parcheggio e per contro le strade colabrodo del centro città …..ad esempio Viale Borri …sono solo 3 dei tanti motivi che avrebbero dovuto già dissuadere i nostri amministratori dall’iniziativa.
    Cordialmente
    Franco Luchini

Rispondi

 
 
kaiser jobs