Varese

Varese, Festa di San Vittore, il prevosto: “vogliamo una città accogliente”

Un momento del corteo storico

Un momento del corteo storico

Lungo corteo attraverso il centro di autorità, Bosini, contrade e sbandieratori di Ferno. E’ tornata la Festa di San Vittore, patrono della città di Varese. Dopo una anteprima ieri, questa mattina, sotto un sole estivo, si è svolta la festa patronale. Dopo la consegna della Girometta d’Oro in Salone Estense, Rosita Missoni insieme alla Famiglia Bosina ha dato inizio al corteo storico. Lungo corteo seguito dai varesini che si sono radunati in due ali di folla.

Un giro che si è fermato in piazza Monte Grappa e poi in piazza San Vittore per consentire agli sbandieratori di proporre le loro performance. Seguendo il ritmo dei tamburi, gli sbandieratori hanno dato mostra di abilità davanti ai varesini presenti nelle due piazze. Protagonisti del corteo storico, i figuranti che indossavano abiti medievali e i rappresentanti delle contrade varesine.

La folla ha poi fatto ingresso in basilica, dove all’inizio della messa solenne si è tenuto l’atteso rito del faro: il fuoco, appiccato dal prevosto monsignor Gilberto Donnini, non si è sviluppato rapidamente, destando qualche timore per il futuro soprattutto tra i politici presenti. Successivamente una processione in basilica ha portato i ceri all’altare.

Al momento dell’omelia, il prevosto monsignor Gilberto Donnini ha ricordato la figura del patrono della città, soldato romano e anche martire cristiano. “Vittore può dare qualche indicazione anche alla convivenza civile, anche se poi sarà il dibattito democratico ad individuare le soluzioni tecniche concrete”. In particolare il prevosto ha sottolineato la necessità che la città sia ricca di “luoghi accoglienti per tutti, dove nessuno si consideri un estraneo”. In essa “siano ridotte le sacche di povertà vera”. Il prevosto ha raccontato che, passando sotto i portici in centro, si vedono i segni di una crisi pesante: “tanti hanno già dato forfait, in questa città che perde pezzi”. Infine è necessario che i cittadini avvertano di vivere sicuri, in particolare gli anziani.

FOTO

4 maggio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs