Varese

Varese, ai Giardini la 500 Miglia tra vecchie glorie e rombo di motori

Visione panoramica delle auto ai Giardini con il Palazzo Estense che fa da sfondo

Visione panoramica delle auto ai Giardini con il Palazzo Estense che fa da sfondo

Sia pure con più di un’ora di ritardo rispetto al programma, è giunta ai Giardini Estensi di Varese la XVI 500 Miglia Touring partita da Brescia l’1 maggio, con una sessantina di auto d’epoca al seguito. Sirene, clacson, rombo di motori, collezionisti-piloti entusiasti. E poi foto e abbracci all’arrivo. Una singolare kermesse automobilistica che ha visto i piloti ricevuti in Salone Estense dal sindaco di Varese Attilio Fontana e dall’assessore alla Promozione del territorio Sergio Ghiringhelli.

Il percorso porterà le vetture ad attraversare Lombardia, Piemonte, Trentino e Veneto. In quattro giorni il serpentone d’auto toccherà quattro regioni, dieci provincie, oltre 40 comuni con un percorso selezionato con cura minuziosa curva dopo curva proprio per esaltare le peculiarità e le bellezze naturali e culturali del territorio. Come dicono gli organizzatori, il motto della manifestazione è “Passione e Territorio”.

Nel cuore della presenza delle preziose auto in Comune, una targa assegnata ad una splendida Giulia SS, rosso fiammante. Una targa assegnata grazie al responso di una giuria tutta al femminile, composta, tra le altre, dalla dirigente del Comune Rita Furigo e dalla giornalista Elena Catelli. Una targa consegnata dal primo cittadino che indossava il simpatico cappellino della corsa delle auto storiche.

FOTO

3 maggio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, ai Giardini la 500 Miglia tra vecchie glorie e rombo di motori

  1. GERVASINI il 3 maggio 2014, ore 13:52

    Beh, ma quante auto ci stanno ai Giardini Estensi se si conta anche l’area dei tappeti erbosi? Nei giardini c’è già il parcheggio di Via Verdi, non sarebbe uno scandalo. Se ce ne stanno almeno 91 si potrebbero parcheggiare le auto ai giardini estensi e far partire da Via Sacco un Bus navetta per la Prima Cappella facendo risparmiare alla Regione Lombardia al Comune di Varese e alla moribonda Provincia almeno 3,2 milioni di euro. Se poi vengono tagliati anche i cipressi di lato alla fontana centrale almeno altri tre posti auto saltano fuori. Non si capisce perchè l’amministrazione di Varese non ci abbia ancora pensato

Rispondi

 
 
kaiser jobs