Sport

Nona cronoscalata Brusimpiano-Ardena, si pedala per il Banco Alimentare

Gli organizzatori della manifestazione ciclistica non competitiva

Gli organizzatori della manifestazione ciclistica non competitiva

Lancio, in Provincia, della nona cronoscalata internazionale non competitiva Brusimpiano-Madonna di Ardena, Memorial Giannino Colombo, in programma domenica 18 maggio, con partenza alla francese dalle 8.30 alle 12.30, evento sportivo organizzato dalla società ciclistica Alfredo Binda e dal gruppo ciclistico Amici del Cuvignone. Una bella corsa per giungere al Santuario di Ardena, che in questi anni l’evento ciclistico ha contribuito a ristrutturare.

La manifestazione del 18 maggio fa parte di un Challenge che, oltre all’evento che giunge ad Ardena, comprende anche una Cuveglio-Duno (15 giugno), una Cocquio-Orino (31 agosto) e il Piccolo Stelvio (14 settembre). Come spiega il giornalista Sergio Gianoli, “il 18 maggio si svolge un evento ciclistico che lo scorso anno ha avuto grande successo con 300 partecipanti, al quale si partecipa per il proprio piacere, senza classifica di merito”.

Paolo Costa, giornalista e uno degli Amici del Cuvignone, racconta che “tutto è iniziato per gioco, con l’obiettivo di valorizzare il Santuario di Ardena, un luogo bellissimo dove passano tanti ciclisti”. Una manifestazione, prosegue Costa, “che propone uno sport non competitivo, momento di incontro tra amici, pur con l’obiettivo di contribuire ad un’esperienza di solidarietà”.

Quest’anno il ricavato delle quote di partecipazione (1o euro e 5 per gli under-18) è stato destinato ad una realtà importante come il Banco Alimentare. Ne parla il responsabile varesino Andrea Benzoni, che ricorda come oggi il non lavoro sia al centro delle preoccupazioni di famiglie e singoli seguiti dal Banco. “Anche noi pedaliamo, insieme a tanti, per arrivare a fine mese, e la pedalata è sempre più in salita”, dice Benzoni. Sono 2700 persone seguite, porta a porta, dal Banco, in un’area che va da Malnate a Luino, con la città di Varese al centro. “Ormai prestiamo aiuto – dice Benzoni – uno strato di persone in difficoltà che per il 50% è composta da italiani e il 50% da extracomunitari”.

Infine Renzo Oldani presidente della Binda dice che la corsa significa “pedalare per uscire da questa crisi”, sottolineando l’intreccio tra valori dello sport e della solidarietà.

2 maggio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs