Varese

Varese, la Polizia locale interviene a Belforte per circonvenzione di un 82enne

polizia localeVenerdì scorso, 11 aprile, personale del Comando della Polizia locale di Varese è intervenuto per una segnalazione ricevuta da parte di una persona anziana, un uomo di 82 anni, residente in città, zona Belforte. Questi ha riferito che nel corso dell’ultimo periodo temporale era stato raggirato con artifici ed inganni da alcune cittadine extracomunitarie, di provenienza balcanica (serba).
L’anziano mostrava alcuni estratti conto bancari dai quali si evidenziavano molti prelevamenti per un ammontare di alcune decine di migliaia di euro, che a suo dire erano stati consegnati alle ragazze, a fronte di prestazioni sessuali o promesse di matrimonio.
Nella stessa giornata, personale in abiti civili si appostava nell’abitazione dell’anziano, supportato da altri colleghi che pattugliavano le zone limitrofe. Intorno alle ore 13 una delle ragazze si presentava a casa dell’anziano e con una scusa poco credibile chiedeva di nuovo dei soldi; al primo diniego, successivamente con false promesse, la ragazza riusciva a convincere l’anziano a recarsi in banca per prelevare del denaro, cosa che poi l’anziano effettivamente eseguiva: prelevava 200 euro e tornava a casa con la ragazza.
Qui c’era lo scambio di denaro: a questo punto il personale nascosto nell’abitazione interveniva ed accompagnava la ragazza presso il Comando per i conseguenti accertamenti. Si scopriva che la ragazza, di 22 anni e di nazionalità serba, era residente in un paese della provincia, con regolare permesso di soggiorno: veniva deferita all’Autorità giudiziaria per il reato di circonvenzione di incapace, con il conseguente sequestro di due telefoni cellulari (di cui uno smartphone di ultimissima generazione) con i quali era in contatto con i presunti complici del disegno criminoso condotto ai danni dell’anziano.

 

16 aprile 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs