Varese

Varese, sosta a pagamento, il Pd chiede 15 minuti gratuiti in più

Torna caldo il tema della sosta a pagamento a Varese

Torna caldo il tema della sosta a pagamento a Varese

Sosta a pagamento a Varese, sul tema caldissimo interviene il Partito democratico con una mozione depositata questa mattina a Palazzo Estense. Essa porta la firma di tre giovani consiglieri comunali, Giampiero Infortuna, Andrea Civati e Luca Conte. Una mozione destinata a riaprire una ferita, dato che sul tema della sosta a pagamento il Consiglio si è pronunciato, ma poi tutto è rimasto come prima. Tutto fermo, come ormai numerose delle scelte fatte, a partire dalla pedonalizzazione di piazza Giovine Italia, via Donizetti e via Rossini.

Ma torniamo alla sosta. Con la mozione i consiglieri del Pd puntano i riflettori sui “numerosi aumenti tariffari già introdotti dalla Giunta Fontana in materia di sosta e con particolare riferimento all’aumento della tariffa per gli stalli a pagamento, passata da 1.20 euro all’ora, a 1.50 euro; e all’introduzione della stessa, nella fascia oraria di “pausa pranzo”, dalle 12.30 alle 14.30; C_ all’introduzione del pagamento anche nelle ore serali, dalle 20 alle 24″.

Aumenti che i consiglieri Pd criticano con durezza, consapevoli che su di essi sono forti disappunto e contrarietà dei comuni cittadini. Agli aumenti, Infortuna, Civati e Conte aggiungono “i quotidiani casi di improvvisa ed oggettiva necessità, in virtù dei quali, inevitabilmente, può verificarsi il superamento del limite di tempo previsto per l’utilizzo del servizio, senza che in ciò si manifesti la volontà di eludere il pagamento dovuto”.

Dunque è chiara la richiesta: impegnare “l’Amministrazione ad introdurre, di concerto con la società addetta alla gestione ed al controllo della sosta, Avt, un supplemento gratuito, fino a 15 minuti di sosta, oltre il tempo prestabilito e prescindendo dalla relativa somma già erogata”.

Come spiega il consigliere firmatario Giampiero Infortuna “da sempre come Pd diamo grande importanza al tema della sosta in genere: dalla richiesta di abolizione della tariffa serale, presentata nel 2013, a quella sul pagamento di parcheggi e mezzi pubblici, tramite telefono cellulare, di quest’anno. Entrambe approvate dal Consiglio Comunale e mai attuate dalla Giunta”.

“Ci aspettiamo, quindi – conclude il consigliere comunale del Pd – un diverso atteggiamento da parte di chi governa la città, nel rispetto e nell’interesse di tutti i varesini”.

 

 

 

 

14 aprile 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, sosta a pagamento, il Pd chiede 15 minuti gratuiti in più

  1. giovanni dotti il 15 aprile 2014, ore 09:21

    Largamente condivisibile la proposta dei giovani Consiglieri Comunali Civati, Conte e Infortuna. Come pure auspicabile sarebbe una riduzione delle tariffe dei parcheggi a pagamento, oggi troppo esose, e la gratuità per alcune fasce orarie (es.dalle 8 alle 9 del mattino e pausa pranzo). Piuttosto perché non si provvede a multare il parcheggio selvaggio, spesso quando procura grave intralcio alla viabilità e alla sicurezza stradale? Di questo dovrebbe preoccuparsi una Amministrazione seria, non a svuotare le tasche dei Cittadini che parcheggiano per pochi minuti oltre il limite temporale previsto. Un’Amministrazione non dovrebbe essere vessatoria ma al servizio dei Cittadini onesti, e giustamente sanzionatoria nei confronti dei disonesti e menefreghisti (verso i quali invece sembra essere indifferente ed eccessivamente tollerante). E perché non pensare ad una sosta gratuita per la prima 1/2 ora, per consentire il disbrigo di brevi commissioni e favorire così il ricambio della sosta in città? Per “far cassa” non si dovrebbe ricorrere solo ai parcheggi ma multare gli indisciplinati !

Rispondi

 
 
kaiser jobs