Varese

Il ritorno del Liberty, tra il MIDeC di Cerro e il Birrificio Poretti di Induno

Da sinistra: Morlotti, Macchione, Giacon, De Bernardi, Spirito

Da sinistra: Morlotti, Macchione, Giacon, De Bernardi, Spirito

Il Liberty può essere considerato una peculiarità del nostro territorio. Uno stile che, tra fine Ottocento e primi Novecento, interessò l’architettura delle ville, ma anche le forme degli stabilimenti industriali. Un linguaggio comune che oggi viene riproposto in una rassegna dal titolo “Arte, Industria e Belle Epoque. Declinazioni del Liberty varesino da Angelo Poretti in poi”, che sarà inaugurata sabato 12 aprile alle ore 17, presso il MIDeC (Museo Internazionale Design Ceramico), un gioiello che si trova a Cerro di Laveno Mombello (la mostra si potrà visitare fino a domenica 11 maggio).

La mostra è organizzata dal Comune di Laveno, dal MIDeC. dalla biblioteca comunale di Laveno “Antonia Pozzi”, in collaborazione con Pietro Macchione editore, il Birrificio Angelo Poretti, il patrocinio della Provincia e del Comune di Induno Olona.

Lo stile Liberty, dunque, come punto di riferimento culturale e non solo. Il percorso della mostra di Cerro, oggi presentata in Provincia, è lungo ed articolato: prima un libro scritto da Pietro Macchione, “Angelo Poretti & C.”, riapre le porte dello stabilimento indunese che costituisce uno dei grandi monumenti del Liberty, e lo fa – come di consueto per questo autore-editore, con una copiosa raccolta di immagini e “scatti” d’epoca. Poi l’idea di una mostra presso il MIDeC curata dalla brava conservatrice l’architetto Maria Grazia Spirito. Infine anche la collaborazione del Birrificio Poretti ad Induno Olona, che accoglierà i visitatori venerdì 23 maggio, alle ore 17.30, in un ideale proseguimento della bella mostra (prenotazioni entro il 20 maggio allo 0332 625551 – segreteria@midec.org).

Cosa si potrà vedere in mostra? Cinquanta vassoi in ceramica provenienti da una collezionista fiorentina che ne possiede trecento. Si potrà ammirare anche il servizio da birra “Castelli italiani” di Marco Costantini, primi anni Sessanta. Poi manifesti e affiches, oltre alle grandi tele di Vincenzo Morlotti, oli realizzati tra il 2001 e il 2014.

 

 

 

7 aprile 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs