Varese

Debutta #Varese 2.0. Daniele Zanzi: siamo cittadini, non siamo no-Tav

I componenti del neonato comitato

I componenti del neonato comitato

“Non siamo no-Tav, ma semplicemente un gruppo di cittadini che vuole fare sentire la sua voce ed è aperto al contributo di tutti”. Poche parole, quelle dell’agronomo Daniele Zanzi, per descrivere un nuovo comitato che si è formato a Varese e che ieri sera ha fatto il suo debutto in un’affollata riunione presso la Galleria Ghiggini di Varese. All’ordine del giorno di #Varese 2.0, il progetto del parcheggio alla Prima Cappella del Sacro Monte di Varese, patrimonio Unesco dell’umanità. Un progetto che registra una crescente contrarietà in città, in quanto troppo invasivo e costoso.

“Questo progetto è un caso emblematico – continua Zanzi -. Il tema del Sacro Monte va affrontato con un progetto che tenga conto delle peculiarità del luogo. La novantina di posti auto prevista dal progetto non servono se sono avulsi da un progetto più complessivo sul sito. Altrimenti accadrà come per la Funicolare, che è rimasta una cattedrale nel deserto”.

Daniele Zanzi e altri amici, tra cui Roberto Gervasini, Laura Caruso, Alessandro Ceccoli, si sono riuniti per dire no al parcheggio e prendere delle iniziative per stopparlo. Quali? “Per ora stiamo raccogliendo firme tra i cittadini – spiega Zanzi -. Motivando questa raccolta con il nostro no ad un progetto inutile, costoso, impattante e che devasterebbe l’ambiente. Un no che faremo arrivare a sindaco e giunta”. Non indifferenti i primi passi di questo comitato: la prima riunione è stata affollata e molto partecipata.

Progetti per il futuro? Magari una ‘discesa in campo’ alle prossime amministrative? “Non ci pensiamo proprio – taglia corto l’agronomo varesino -. La nostra è una realtà trasversale, che vuole lanciare messaggi su una serie di progetti che riguardano Varese ad una classe politica che spesso si chiude dentro Fort Alamo e resta sorda alla volontà dei cittadini. Come è accaduto nel caso delle 2000 firme raccolte contro il parcheggio di Villa Augusta”. Tra i prossimi temi di mobilitazione il taglio degli alberi in piazza Repubblica, un progetto che ha ricevuto il sì definitivo nell’ultima riunione di giunta.

 

 

4 aprile 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Debutta #Varese 2.0. Daniele Zanzi: siamo cittadini, non siamo no-Tav

  1. Sereno sereni il 6 aprile 2014, ore 20:54

    Da cittadino bosino , attaccato alla propria terra, un plauso sentito al “Gruppo Varese 2.0″ per il meritevole impegno profuso a favore della citta’ di Varese, bella addormentata nel bosco (ma qui i boschi vogliono tagliarli). La cieca politica del boscaiolo vuol creare un parcheggio alla Prima Cappella, bocciato anche dagli esperti, per non parlare dei parcheggi a Villa Agusta e Villa Mylius, ormai lo slogan del governo locale e’: “no parchi, si’ parcheggi” e questa sarebbe la citta’ giardino, mah. Grazie ancora e continuate a battagliare.

Rispondi

 
 
kaiser jobs