Varese

Varese, Pronto Soccorso, il dg Bravi conferma i 30 nuovi posti letto

 

Callisto Bravi, dg dell'Ospedale di Varese

Callisto Bravi, dg dell’Ospedale di Varese

A distanza di due mesi dalla conferenza stampa dedicata al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Circolo in presenza dell’Assessore regionale alla salute Mario Mantovani, durante la quale era stata indicata la data del primo maggio come termine per il completamento di una serie di interventi finalizzati ad alleggerire la pressione che talvolta si registra nel Pronto Soccorso varesino, il Direttore generale dell’Azienda ospedaliera Callisto Bravi interviene per aggiornare sulle misure adottate e sulle soluzioni che a breve saranno operative.

“In particolare, tengo a rassicurare sul fatto che, grazie alle risorse che ci sono state messe a disposizione dall’Assessorato alla Salute in aggiunta a quelle già fornite con il Bilancio preventivo annuale e alla connessa autorizzazione ad assumere, è stato possibile incrementare il personale sanitario. I nuovi assunti sono 15 infermieri e 2 medici che hanno già preso servizio e che stanno completando, nei tempi previsti, l’inserimento lavorativo”.

Continua Bravi: “Grazie a queste assunzioni e ad una serie di procedure riorganizzative interne all’Ospedale, è stato possibile pianificare per il prossimo mese di aprile l’apertura di una trentina di nuovi posti letto. Inoltre, all’interno del Pronto Soccorso, sono già stati eseguiti lavori finalizzati a rendere più funzionali le sale visite (già attive) e, migliorando i box preesistenti, sono stati allestiti degli ambienti protetti e attrezzati, adatti ad ospitare su letti, e non più su barelle, perfettamente equivalenti per dotazione a quelli di degenza ordinaria, i pazienti che devono permanere in P.S. per accertamenti ed osservazione prima della dimissione al domicilio, massimizzando così il comfort alberghiero, e di conseguenza agevolando l’assistenza sanitaria”.

“Tutte le postazioni di PS – conclude Bravi – saranno a breve dotate anche di campanello e attrezzate per consentire la geolocalizzazione del paziente all’interno dei percorsi di diagnosi al fine di garantire ulteriormente la tracciabilità dei percorsi. Tengo inoltre ad aggiungere un altro aspetto molto significativo: dopo un’attenta fase di analisi, sono state introdotti dei cambiamenti organizzativi nei reparti internistici che permetteranno di ottimizzare l’utilizzo delle risorse assegnate dall’Assessorato evitando la riduzione dei posti letto in concomitanza con i periodi di ferie, mediante una efficiente gestione del turnover”.

3 aprile 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs