Varese

Varese, ultima tappa dei congressi di Agorà. Sfida tra Ermolli e Carioni

Due militanti di Forza Italia

Due militanti di Forza Italia

Il primo Congresso Provinciale dell’Associazione “Agorà Liberi e Forti” volge al termine con la sua terza tappa. Dopo gli eventi di Luino e Busto Arsizio, nei quali ci sarebbero stati duecento votanti, questa è la volta di Varese. Non è dato sapere chi tra i due candidati sia al momento favorito, se Gianpaolo Ermolli o Massimiliano Carioni: non è stato ancora effettuato lo spoglio e, comunque, tutti tengono le bocche cucite.

La sessione conclusiva si svolgerà lunedì 31 marzo, presso la Sala “Montini” del Collegio Arcivescovile De Filippi in Via Brambilla, 15 a Varese. I seggi saranno aperti anche questa volta a partire dalle ore 19.30 fino a conclusione della serata.

Alle ore 21 è previsto l’incontro con i protagonisti e candidati Massimiliano Carioni e Gianpaolo Ermolli i quali si confronteranno con il pubblico. Oltre ai candidati, saranno presenti Luca Marsico, Marcello Pedroni e Nino Caianiello. La serata vedrà inoltre la presenza di personalità della politica europea, nazionale e regionale. Al momento hanno confermato Lara Comi, Mario Mantovani e Marco Pagnoncelli. Al termine della serata si dovrebbe conoscere il nome del candidato alla segreteria provinciale targato Agorà.

Dicono gli organizzatori: “Esprimeremo con questo mezzo democratico il nostro Segretario Provinciale. Ricordiamo che la formula del voto è molto semplice e ricalca il sistema delle primarie aperte. Durante la serata si potrà esprimere il proprio voto. Possono votare tutti i cittadini residenti nella Provincia di Varese. Agorà Liberi e Forti ha un chiaro riferimento politico, Forza Italia. Sobrietà, Etica, Ascolto e Meritocrazia sono i nostri valori. Vogliamo un partito dove l’Etica torni ad essere il valore più importante e non limitarci alla sola Legalità; vogliamo un partito dove la classe dirigente sia selezionata attraverso forme di partecipazione e non paracadutate con la catapulta; vogliamo un partito dove sia premiato chi merita in base alle capacità ed alla preparazione e non in base a criteri di opportunità politica o interessi privati; vogliamo un partito che parli con il Paese di come affrontare le questioni di interesse pubblico. Da parte nostra, abbiamo deciso di portare un contributo di idee e di progetti che stiamo promuovendo con forza in tutta Italia per ottenere un rinnovamento meritocratico e democratico della destra, laica, riformista e cattolica”.

 

27 marzo 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi