Varese

Varese, Silvio Monti torna allo Spazio Lavit. E annuncia una svolta

Il pittore e scultore Silvio Monti

Il pittore e scultore Silvio Monti

Dopo quattro anni è tornato allo Spazio Lavit, con una sua ampia antologica, l’artista Silvio Monti. Una mostra dal titolo “Nel paesaggio del volto”, che ha visto ieri pomeriggio un affollato taglio del nastro e che si potrà visitare, nello spazio di via Uberti a Varese, fino al 18 aprile. Era presente anche il sindaco di Varese, Attilio Fontana.

Tanti presenti hanno potuto vedere le numerose opere, di grandi dimensioni ma non solo, che ha realizzato il maestro varesino, ormai una celebrità in Ungheria, dove recentemente Monti ha esposto sue opere. Che ritorna allo Spazio Lavit dopo avere partecipato proprio al Lavit, tempo fa, ad un originale evento con l’attore Giancarlo Ratti.

Al vernissage, introdotto dal padrone di casa Alberto Lavit, ha preso la parola l’artista che ha definito questi suoi volti, enigmatici e astratti, uno dei temi più approfonditi dal pittore, dei veri e propri “autoritratti”. “Ogni volta che dipingo un volto – ha detto Monti – esprimo uno stato d’animo, dò espressione al mio alter ego”. Tuttavia la stagione dei volti, che trova nella mostra un’articolata rivisitazione, sta per finire. “Sento che si sta avvicinando la conclusione di questa stagione – ha detto Monti -, mentre sta crescendo in me l’interesse per il tema dell’eros, uno dei desideri primordiali dell’uomo”. Una svolta che l’artista varesino concepisce come una forza “contro il perbenismo intellettuale e sociale”.

 

FOTO

23 marzo 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi