Varese

Varese, Pd: a Villa Baragiola (unita al Castello) grande polo museale

La delegazione del Pd cittadino a Villa Baragiola

La delegazione del Pd cittadino a Villa Baragiola

Questa mattina si è svolto il quarto incontro dedicato dal Pd cittadino di Varese ad un quartiere, un tour legato a temi e proposte relative al nuovo Pgt, adottato da Forza Italia e Lega. Dopo le tappe alla Caserma Garibaldi, a Villa Agustae al suo parco, al Macello Civico, è stata la volta di Villa Baragiola a Masnago.

Un bene di grande valore storico e architettonico, l’edificio di Masnago. La villa dei Conti Baragiola è data a circa metà Ottocento. Adrea Baragiola de Bustelli ne ereditò buona parte e la passò con lascito testamentario al figlio Pietro che all’età di 25 anni si trovò ricchissimo e decise di trasferirsi a Masnago (allora Comune autonomo) con la moglie. Quì ampliò la sua proprietà e costruì il complesso attuale, delimitò il parco, costruì all’interno un laghetto attualmente non più esistente. Morto a 39 anni la villa passò alla moglie e poi, alla sua morte, fu ceduta alla famiglia Tedeschi, ricco banchiere, agli inizi degli anni Trenta. Nel 1941 l’intero complesso fu ceduto alla curia arcivescovile e trasformato in seminario minore.

Un edificio ricco di storia, dunque, visitato oggi da una delegazione del Pd, che con la sua visita ha inteso denunciare l’assenza di un progetto organico che riguardi l’intero complesso. Nella villa oggi, infatti, vi è la sede degli uffici dell’Urbanistica, del Museo tattile e di alcune sale espositive. Insomma nessun progetto serio e organico.

Dichiarano i dirigenti cittadini e i consiglieri comunali: “Proponiamo che Villa Baragiola, con il suo bellissimo parco, unita al Castello Mantegazza, diventi il vero “polo” museale e espositivo della città di Varese. Il luogo si presta, il parco è assolutamente in grado di favorire una serie di eventi e, soprattutto, villa Baragiola è al centro di vie di comunicazioni dotate di ampi spazi di parcheggio”.

Dunque questo potrebbe essere davvero il luogo dove costruire una industria culturale di alto livello capace di favorire la presenza di un pubblico internazionale alla ricerca di eventi d’arte e cultura.

 

 

22 marzo 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi