Varese

Giornata felicità Onu, com’è triste Varese, ma Como la batte

imagesCAMJ47OEOggi è la giornata mondiale della felicità indetta dall’ONU, ma la Lombardia è meno felice delle altre regioni italiane, lo rivela “Voices from the Blogs” Spin-off Università degli Studi di Milano, che analizza il sentiment espresso sui social media, blog e web, utilizzando avanzate metodologie statistiche.

Varese? È più felice della media lombarda, ma si ferma al 73° posto della graduatoria nazionale, con un tasso di felicità al 56,4%, e perde 31 posizioni nella classifica della felicità per province rispetto all’anno 2012. Como addirittura si piazza nella top ten delle 10 Province più tristi d’Italia, collocandosi al 101° posto, con una felicità in caduta libera pari al 50,2% (perde 68 posizioni rispetto all’anno precedente). 

“Voices from the Blogs” ha prodotto un ebook per la rivista Wired, intitolato “I Happy”, in cui si racconta la felicità degli italiani misurata durante l’anno 2013 sulla base di un algoritmo che ha analizzato quaranta milioni di messaggi su Twitter provenienti dalle 110 provincie italiane.

“L’indicatore è geolocalizzato per provincie, ed è quindi possibile scoprire che la  Lombardia è meno felice della media italiana, ma che la provincia di Varese è più felice della media lombarda, pur avendo perso molte posizioni nella classifica nazionale per province dall’anno scorso. Il perdurare della crisi economica ha influito sull’umore di quasi tutto il Settentrione: solo due province lombarde stanno sopra la media nazionale” spiega Giuseppe Porro, docente di Politica economica dell’Università degli Studi dell’Insubria e co-fondatore del progetto scientifico Voices from the Blogs.

Per la cronaca, la città più felice del 2013 è Genova, la più triste Aosta. Il giorno più triste dell’anno: l’11 gennaio. Il più felice? Esattamente 6 mesi e un giorno dopo: il 12 luglio.

Per consultare tutti i dati: http://voicesfromtheblogs.com/2014/03/20/le-capitali-della-felicita-genova-e-cagliari-ma-se-milano-avesse-il-mare/.

 

20 marzo 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi