Saronno

Saronno, nuova postazione per il car sharing ecologico “e-vai”

La postazione saronnese di "e-vai"

La postazione saronnese di “e-vai”

Da oggi anche i cittadini di Saronno avranno l’opportunità di usufruire di «e-vai», il primo servizio di car-sharing ecologico (parco auto al 70% elettrico) diffuso su scala regionale e integrato con il servizio ferroviario Trenord. «e-vai» è presente in tutta la Lombardia e offre un sistema di mobilità realmente sostenibile, pratico e conveniente, scelto già da oltre 19mila iscritti. Sono 50 le postazioni nei punti strategici di più di venti località (stazioni, ospedali, università), inclusi gli aeroporti di Milano Linate e Malpensa.

Il nuovo «e-vai» point di Saronno si trova vicino alla stazione ferroviaria, in via Carcano, ed è stato inaugurato questa mattina alla presenza del sindaco Luciano Porro, dell’assessore comunale all’ambiente e mobilità Roberto Barin e di Giovanni Alberio, responsabile delle relazioni istituzionali di «e-vai». La postazione comprende 4 stalli di sosta e una colonnina di ricarica per le batterie delle auto elettriche.

Al termine dell’evento i cittadini hanno potuto effettuare test drive gratuiti con alcune delle auto elettriche e a basso impatto ambientale di ultima generazione che compongono la flotta di «e-vai»: tre Citroën C-Zero (auto elettriche con batterie di trazione al litio ioni, omologate per 4 posti, dotate di aria condizionata, con un’autonomia di 130 km e una velocità massima di 110 km/h) e una Fiat Punto Evo (bifuel benzina e GPL, omologata per il trasporto di 5 persone e dotata di aria condizionata). Inoltre, a tutti è stata offerta l’opportunità di iscriversi a costo zero beneficiando di una speciale promozione: 3 noleggi gratis da due ore ciascuno da utilizzare entro il 18 maggio 2014.

«Utilizzare le nostre auto piace sempre di più – ha affermato Giovanni Alberio, responsabile delle relazioni istituzionali di «e-vai»-. Non solo si risparmia su bollo, assicurazione e benzina, ma si contribuisce anche a inquinare meno senza rinunciare alla praticità di un servizio capillare, in continua espansione e presente in tutto il territorio lombardo».

«È una novità fortemente voluta dall’Amministrazione del Sindaco Luciano Porro – ha spiegato l’assessore all’ambiente e mobilità Roberto Barin. L’idea, è quella di garantire un servizio a chi non utilizza l’auto per recarsi al lavoro, ma soltanto per andare a fare la spesa o in maniera sporadica. È una opportunità per gli automobilisti occasionali di servirsi delle vetture del car sharing risparmiando sugli alti costi legati al possesso di una vettura».

Il car sharing ecologico «e-vai» è disponibile tutti i giorni, 24 ore su 24. La tariffa è di 5 euro l’ora senza costi aggiuntivi legati al chilometraggio per le auto elettriche, mentre è di 2,40 euro l’ora più 0,48 euro a Km per le auto a basso impatto ambientale. Con le auto «e-vai», a Saronno come a Milano e in molti altri comuni convenzionati, si ha libero accesso alle corsie preferenziali e alle ZTL e si può parcheggiare gratuitamente in tutte le aree di sosta pubbliche, anche in quelle gestite tramite parcometri o sistemi equivalenti. Tutti possono iscriversi a «e-vai» gratuitamente e indipendentemente dall’essere abbonati al servizio ferroviario lombardo: basta collegarsi al sito www.e-vai.com e seguire le indicazioni riportate. Si può prenotare telefonicamente chiamando il Numero Verde 800.77.44.55, oppure collegandosi al sito www.e-vai.com.

In base alle esigenze di utilizzo del servizio, sarà possibile iscriversi in due modalità: Silver – è la formula ideale per chi ha necessità occasionali di utilizzo, senza costi d’iscrizione e con un primo noleggio di due ore gratuito. Il pagamento è effettuabile solo con carta di credito, e a ogni noleggio va aggiunto un costo di cinque euro. Gold – è la modalità più comoda e conveniente per chi utilizza spesso il servizio. È possibile pagare i noleggi con carta di credito, bancomat, contanti o bonifico, versando cinquanta euro di prepagato, convertiti immediatamente in credito da utilizzare per i futuri noleggi.

 

18 marzo 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi