Varese

Varese, con la deputata Sel Di Salvo l’esordio a Varese della Lista Tsipras

La deputata Di Salvo all'incontro organizzato al De Filippi

La deputata Di Salvo all’incontro organizzato al De Filippi

Affollato incontro, ieri sera al De Filippi, organizzato da Sel Varese, con la deputata Titti Di Salvo. Un incontro che ha spaziato su numerosi temi, a partire da quelli legati alla politica nazionale, in primis la nascita del governo Renzi, alle questioni legate alla vicina scadenza delle elezioni europee. A discutere con la parlamentare di Sel, una lunga carriera nella Cgil alle spalle, ed esordio come deputata con la lista dell’Ulivo, è stato il direttore di Varesereport Andrea Giacometti.

Tra i temi approfonditi dalla Di Salvo la nascita del governo Renzi, un governo caratterizzato dalla “velocità”, una caratteristica che non è automaticamente sinonimo di buona politica. Un governo che, facendo i conti con le diverse anime al suo interno, dovrà affrontare la vera emergenza di oggi, l’emergenza-lavoro. “Per quanto sappiamo, al momento conosciamo soltanto il titolo ma non il contenuto del progetto di Renzi”. Quanto alle proposte di Sel, la deputata è stata esplicita: “Non esiste una ricetta oggettiva per creare nuovi posti di lavoro: noi sosteniamo la necessità di un intervento pubblico capace di mettere in sicurezza il territorio”.

Sul fronte di Bruxelles, la Di Salvo ha difeso il modello sociale europeo che, sia pure in forme aggiornate, è in grado di sfidare euroscetticismo e pulsioni xenofobe e populiste presenti nel Vecchio Continente. La serata al De Filippi è stata l’occasione per lanciare anche a Varese la Lista Tsipras, che in realtà si chiamerà “L’altra Europa con Tsipras”. Si tratta della lista che fa riferimento, come candidato a presidente della Commissione Europea, ad Alexis Tsipras, l’esponente politico greco, leader di Syriza, mostratosi capace di fare fronte all’emergere dell’inquietante Alba Dorata. “Un progetto politico – ha sottolineato la Di Salvo – che punta a costruire un’altra Europa, con una forte attenzione ai temi del lavoro e dei diritti”.

Al momento questa lista, che Sel sostiene facendo un passo indietro con il suo simbolo, conta 294 sostenitori a Varese, e trova in Mario Agostinelli uno dei punti di riferimento. Ora è in corso la raccolta delle firme di sostegno in tutta la provincia.  Ieri sera, è intervenuto nel corso del dibattito anche Thierry Dieng, che fu tra i fondatori del movimento Ubuntu, uno dei candidati in corsa per le elezioni europee.

 

1 marzo 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA