Varese

A Varese il flashmob di Caffeina “Il primo marzo compriamo un libro”

libriLa gente non legge poi tanto, le librerie tirano giù la saracinesca, la cultura continua ad essere la Cenerentola dei bilanci comunali, ma Varese non si perde d’animo e rilancia. Tra le tante iniziative che, dal basso, dalla società, vengono promosse per ridare fiato alla cultura nella città giardino, c’è senza dubbio il “Flashmob letterario”, in  programma sabato 1 marzo, con appuntamento alle ore 15 accanto alla fontana di piazza Monte Grappa.

A promuoverlo, per la prima volta in città, la benemerita associazione “Un’Altra Storia”, che a Varese è guidata da Giuseppe Musolino, il quale, presentando l’associazione, lancia un appello alla massima partecipazione: “Un appello a librerie, autori, editori, associazioni, istituzioni e lettori perchè partecipino ad una iniziativa che intende rilanciare l’attenzione e l’amore per la cultura e la lettura”. Fino ad oggi hanno dato la loro adesione alla iniziativa le librerie Feltrinelli e Libreria del Corso, che a coloro che si presenteranno con il fiocco bianco del flasmob praticheranno sconti per tutta la giornata.

Quale il senso dell’iniziativa aperta all’adesione di tutti i fans del libro? “Facciamo vincere la cultura è il nostro slogan – dichiara Musolino -, un’occasione per rimettere al centro i libri e la cultura, portando a Varese per la prima volta l’iniziativa nazionale
‘Il primo marzo compriamo un libro organizzata dalla Fondazione Caffeina di Viterbo”.

Il flash mob, nato quasi per caso sul web, che in poco tempo ha superato i 70.000 partecipanti, sta ancora crescendo in modo esponenziale. Tantissime le librerie di tutto il territorio nazionale – grandi catene e librerie indipendenti – che stanno aderendo al flash mob, promuovendo l’evento, proponendo sconti o organizzando altre iniziative. Come funziona? Il primo marzo basta andare, con il segno di riconoscimento del flashmob, ovvero un nastro bianco sui vestiti, a comprare un libro, o più di uno.

Anche a Varese, ritrovatisi accanto alla fontana di piazza Monte Grappa, tutti insieme si andrà in libreria e si acquisterà uno o più libri. “Un momento per ritrovarsi – continua Musolino -, confrontarsi e magari pensare a future iniziative”.

Al momento hanno aderito all’iniziativa oltre a Un’Altra Storia, anche Gli Amanti dei Libri, Libri e Storie, Varese mi piace. Tra gli autori, Gaetano Allegra e Federica Leva.

26 febbraio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “A Varese il flashmob di Caffeina “Il primo marzo compriamo un libro”

  1. ombretta diaferia il 26 febbraio 2014, ore 16:04

    noi lo si anticipa di un giorno per questioni di disponibilità sala,
    ma aderiamo come “spacciatori e costruttori di mondi gutemberghiani”.
    per questo il 28 febbraio le migrAzioni di ellis island approdano a Varese al Santuccio. Robert Viscusi è giunto da New York dopo quattro anni con le sue storie delle storie della storia della migrazione italiana verso l’America…
    “Un’Altra Storia” travolgerà come onde…

    Complimenti continuiamo ad alziare il livello: siam in piena crisi culturale, non economica.
    perché la cultura s’è svenduta e “la poesia non serve, perché non è serva” (AA)

Rispondi