Varese

Varese, contro la riforma Gelmini, il Pd apre i circoli alla storia dell’arte

La presentazione dell'iniziativa

La presentazione dell’iniziativa

Tra gli effetti della Riforma Gelmini anche un colpo di spugna sull’insegnamento della Storia dell’Arte. Dal prossimo anno in diverse scuole e in diversi indirizzi di studio le ore dedicate a pittori, scultori e architetti verranno drasticamente ridotte quando non addirittura eliminate. Una novità che ha portato il Pd a livello nazionale a mobilitarsi per rivedere la riforma berlusconiana della scuola e “riabilitare” la storia dell’arte, che nel Bel Paese rappresenta una materia fondamentale.

Ad accogliere l’allarme lanciato innanzitutto in Rete da un blogger come Antonio Sicilia e subito sostenuto dall’associazione Anisa (Associazione nazionale insegnanti di storia dell’arte), è stato il Pd provinciale di Varese con la vicesegretaria Sara Battistini, che questa mattina ha lanciato l’iniziativa “Metti in Circolo il Pittore”, un calendario ricco di incontri che, nel Varesotto, vedrà aprire le porte di circoli del Pd e di altri luoghi a vere e proprie “lezioni” che intendono diffondere l’interesse e l’amore per l’arte, in senso generale e relativa al nostro territorio.

“Va ripensata la riforma della ministra Gelmini e si deve tornare indietro – dichiara la professoressa Anna Maria Ferrari, referente provinciale dell’Anisa -, la storia dell’arte non è un vecchio soprammobile e non serve a difendere vecchi soprammobili”. Le fa eco la professoressa Francesca Ricardi: “Per il nostro Paese e il nostro territorio, il patrimonio artistico è fondamentale, sia dal punto di vista della gestione del territorio, sia dal punto di vista della creazione di posti di lavoro per i giovani. E’ un vero omicidio”. Una scelta, quella della riforma Gelmini, non mutata dai governi successivi, che non colpisce il Liceo Scientifico, mentre riguardail Liceo Classico (storia dell’arte solo al Ginnasio), il Linguistico o Psico-pedagogico (solo 2 ore nel triennio), l’Artistico (solo 3 ore al triennio), istituti tecnici (eliminazione della materia, tranne che al turistico). Giovanni De Rosa e Francesco Romano (circolo di Malnate del Pd) ribadiscono l’importanza di questo impegno in favore dell’arte e della cultura.

A questo punto la scelta del Pd è quella di lanciare un Sos alla nuova ministra per sostenere l’importanza della materia per rilanciare quella che viene definita “creative economy”. Oltre alla presentazione di temi di storia dell’arte in diversi circoli del Pd: il 2 marzo a Varese in Sala Montanari (ore 16), nella sala consigliare a Besnate (16.30), alla Sala degli Specchi ad Olgiate Olona (10), visite guidate al parco di Villa Gonzaga (14), Villa Montevecchio a Samarate (15.30), sede Pd di Busto in viale Repubblica (14.30), alla Sala Polivalente a Daverio (15), alla Sala Letture di Besozzo (16), al circolo Pd di Cairate (pomeriggio). Il 9 marzo al Centro di piazza Garibaldi di Solbiate Olona (ore 10) e il 16 marzo al Salone Mazzucchelli di Morazzone (16). Il 6 aprile alla Biblioteca Comunale di Fagnano Olona (ore 10) e il 4 maggio nella Sala degli Specchi di Olgiate Olona (ore 10).

24 febbraio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi