Varese

Varese, pagare le multe, da oggi si semplificano le procedure

img_4_5569La giunta comunale ha rideterminato, nelle seduta odierna, le spese di accertamento e di notifica delle sanzioni della Polizia locale. “Fino ad ora – ha spiegato l’assessore alla Polizia locale Carlo Piatti  – esistevano due bollettini con spese differenti, inviati agli automobilisti. Accadeva spesso però che gli automobilisti sbagliassero ad utilizzare i bollettini, utilizzando il bollettino A al posto del bollettino B e viceversa”.

In tema di notifica di atti a mezzo posta,  l’agente delle poste, nel caso in cui non riesca a recapitare l’atto in fase di prima notificazione (per irreperibilità o temporanea assenza del destinatario) deve procedere al deposito dell’atto presso l’ufficio postale e contestualmente, inviare all’interessato, per raccomandata A/R la comunicazione di avvenuto deposito (CAD).

Inoltre la legge n. 31 del 28/02/2008 ha introdotto un’innovazione nelle modalità di notifica degli atti giudiziari prevedendo che in tutti i casi in cui l’atto, a causa dell’assenza del destinatario, non sia stato notificato nelle mani del medesimo, bensì consegnato a quei soggetti che espressamente la legge abilita al ritiro in luogo del destinatario stesso, l’agente postale ne debba dare notizia al destinatario mediante invio di una raccomandata (comunicazione di avvenuta notifica CAN).

Le Poste Italiane in aggiunta alla notifica per R/R dell’atto giudiziario del costo di € 7,20, provvedono all’invio, al verificarsi del caso: o dell’avviso di deposito CAD con raccomandata AR applicando la tariffa di €4,30 o della comunicazione di avvenuta notifica CAN sempre con R/R AR applicando la tariffa di € 3,60.

“La giunta – precisa l’assessore Piatti – ha rilevato che allegare al verbale un secondo bollettino comprendendo i costi della II° raccomandata e spiegando al destinatario che deve essere usato solo in caso di ritiro della raccomandata presso gli uffici postali si è rilevato poco funzionale ed ha creato molte difficoltà al cittadino per individuare il bollettino esatto da pagare, in alcuni casi portando anche all’iscrizione a ruolo del verbale con un aggravio del procedimento amministrativo. Quindi abbiamo ritenuto opportuno utilizzare un solo bollettino di C/C postale consenta di evitare gli inconvenienti determinando il costo medio delle raccomandate (CAD e CAN) semplificando la procedura di pagamento delle sanzioni”.

Con la vecchia procedura  (R/R atto giudiziario € 7,20; spese procedurali € 4,17, media CAD o CAN ( 4,30+3,60):2= € 3,95) si arrivava a  €15,32. Ora, con l’unico bollettino, l’importo forfetario è di € 14.

28 gennaio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi