Varese

Varese, al Santuccio in scena “Almas”, teatro-concerto con Silvia Priori

La regista, attrice e "anima" di Teatro Blu, l'eccellente Silvia Priori

La regista, attrice e “anima” di Teatro Blu, l’eccellente Silvia Priori

Teatro Blu porta a Varese, il 24 gennaio, alle ore 21, presso il Teatrino Santuccio, lo spettacolo “Almas”, un evento di teatro concerto in collaborazione con il grande Cesar Brie, musica popolare brasiliana dal Choro al Forro, dal Samba alla Bossa nova. Lo spettacolo fu presentato nell’ambito del festival Next 2012- Oltre il Palcoscenico – promosso dalla Regione Lombardia.

Protagonisti Silvia Priori e Roberto Carlos Gerbolès, con la voce di Francesca Galante e con i muscisti Ciro Radice, Nicola Zuccalà, Giuseppe Lapalorcia, Norberto Cutillo. Direzione musicale e arrangiamenti Ciro Radice. Testo e regia di Silvia Priori e Roberto Carlos Gerbolès.

E’ la storia di una ribellione, è la storia di uomini che combattono contro la schiavitù, il pregiudizio e l’ ingiustizia alla ricerca di un luogo di libertà. Continua la ricerca di Teatro Blu intorno al tema dell’ integrazione, emigrazione e multi-culturalità.

Con ALMAS si chiude una trilogia iniziata con TANGO DI PERIFERIA ‐ Next 2008 e proseguita con SHABBES GOY – Next 2009. Tre spettacoli che ci raccontano in modi differenti problematiche legate al tema del pregiudizio e dell’ intolleranza etnica e religiosa. Grazie alla collaborazione con Cesar Brie, Teatro Blu vuole creare uno speLacolo che parli di giustizia, libertà e amore. Lo spettacolo affronta un tema universale che abbraccia l’ essere umano nella sua ricerca verso un rifugio interiore in cui potersi librare verso nuovi orizzonti, come alternativa ai ritmi incalzanti di una società moderna sempre più strutturata da imposizioni e da regole ferree.

Ripercorrendo la storia di personaggi realmente esistiti e che hanno lasciato una traccia indelebile, ci inoltriamo in un tempo lontano in cui gli schiavi africani fuggivano dalle piantagioni di cacao brasiliane per trovare rifugio in luoghi remoti chiamati “quilombos”, difficilmente accessibili, nascosti nella profonda Amazzonia, per trovare nuova linfa vitale. La storia è un pretesto per raccontare la lotta che ognuno di noi affronta quotidianamente alla ricerca del senso profondo di libertà. Oggi più di ieri, sentiamo la necessità di trovare quella terra promessa dove poter costruire un rifugio che ci parli di sogno e di libertà. Una via per riscoprire e rinascere nel nostro intimo “quilombo”. Il racconto di fatti realmente accaduti sono attraversati da brani musicali che sono il risultato della contaminazione culturale tra gli schiavi africani, i loro discendenti e la popolazione locale composta da indios e da conquistadores europei.

22 gennaio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti a “Varese, al Santuccio in scena “Almas”, teatro-concerto con Silvia Priori

  1. Siamo alle solite il 22 gennaio 2014, ore 19:37

    scusate ma trovo gli “spettacoli” di Silvia Priori tutti uguali a loro stessi. Qualcosa di nuovo a Varese no?

  2. a.g. il 22 gennaio 2014, ore 20:06

    A Varese ci sono diverse proposte. Quelle fatte al Teatro di Varese (sta per arrivare il Cechov con la regia di Bellocchio), quelle al Teatro Nuovo (bella la rassegna di Ragtime), e poi anche gli spettacoli di Silvia Priori, che costituiscono una proposta originale, con proprie peculiarità…

  3. aevero il 22 gennaio 2014, ore 21:00

    Ma il teatro di Varese è più quel che annulla che quel che fa…E poi annulla senza dire perché.

  4. Silvia Priori il 22 gennaio 2014, ore 22:09

    Gentile Signore delle h 19.37, la ringrazio per aver voluto commentare i miei “spettacoli” poiché ogni critica bella o brutta che sia è fonte di riflessione e di crescita. Vorrei però informarla che Teatro Blu, grazie al suo cast di artisti e grazie alle collaborazioni con grandi Maestri del teatro, come Moni Ovadia, Cesar Brie… ha prodotto in 25 anni di attività circa 25 spettacoli con tematiche e linguaggi teatrali tra i più svariati, dal clownesco, alla prosa, dal teatro di movimento a quello di narrazione, dal teatro comico contemporaneo al teatro di ricerca e in particolare mi riferisco ad ARIANNA, a GIULIETTA E ROMEO, a UNIVERSI PARALLELI, a RICORDI DI VIAGGIO, a NENA, a UNA VITA PER DUE MONDI….
    Se ha qualche minuto di tempo la invito a dare un’ occhiata ai video nel sito http://www.teatroblu.it e forse potrà constatare la loro diversità. Solo le ultime tre produzioni, ALMAS, SHABBES GOY E TANGO DI PERIFERIA, appartenendo ad una trilogia, dedicata alla multiculturalità, ricalcano volutamente uno stile, quello della narrazione con musica dal vivo, in cui si raccontano storie realmente accadute ma tutte accomunate da una forte componete umana che grida giustizia, libertà e amore.Mi piacerebbe che lei potesse vedere le altre nostre produzioni e la invito sin da ora a seguire i nostri spettacoli. Spero davvero di averla nostro gradito ospite e di fare presto la sua conoscenza. E se decidesse di venire venerdì 24 al Santuccio me lo faccia sapere così le riservo un posto, ma dopo non scappi via….. un cordiale saluto
    silvia priori info@teatroblu.it

  5. Siamo alle solite il 23 gennaio 2014, ore 00:02

    Conosco e frequento entrambe le rassegne indicate. Ma vedo che i giornali danno sempre poco spazio a qst iniziative e molto spazio alle “solite” cose fatte, a mio modesto parere, di molto fumo e poco contenuto

  6. ironico pensiero il 25 gennaio 2014, ore 01:42

    ciao silvia, non mi sembra una critica seria, mi sembra un commento che lascia il tempo che trova. Non è critica dire che “fai sempre lo stesso”, non è critico puntare su centro di produzione, che piaccia o non piaccia, ha creato tanta energia culturale in un territorio che 20 anni fa aveva poco e niente, Non è critica a un tuo spettacolo non dire quale di quale critica parla. Trovo critico che non faccia critica mr. siamo le solite o miss siamo alle solite. Trovo poco serio un critico che non critica, e che forze nasconde un briciolo d’invidia, ma purtroppo non quella che fa fare una bella critica. Lei o lui solite cose, ha per caso qualche cosa da proporre senza fumo e con tanto contenuto. Mi dica il suo contenuto preferito.

Rispondi