Varese

Varese, Sel: in 800 hanno detto no a Berlusconi cittadino onorario

 

Da sinistra, Cordì, Licata e Bagaglio

Da sinistra, Cordì, Licata e Bagaglio

Sel Varese “fa il punto della situazione” a Palazzo Estense. Un bilancio preoccupato di ciò che accadrà, ma soprattutto di ciò che è accaduto (o, meglio, non è accaduto). Tanti i problemi sul tappeto e, nonostante ciò, la discussione nel prossimo Consiglio comunale del 23 gennaio della richiesta di conferire a Berlusconi la cittadinanza onoraria. Tra gli esponenti varesini di Sel è forte l’insofferenza, se non addirittura l’indignazione. 

Come dice Giuseppe Licata, coordinatore di Sel nella città di Varese, “la mozione sulla cittadinanza al Cavaliere è stata depositata a fine settembre, e noi abbiamo iniziato a raccogliere firme contro ad ottobre, sia con un gazebo in piazza Monte Grappa, sia sul web: in tutto abbiamo raccolto ottocento firme”. Una mobilitazione che corre parallela all’impegno di proposta su altri fronti. “Siamo favorevoli alla valorizzazione dell’area dell’ex Caserma Garibaldi – continua Licata -, che si può tradurre in una presenza del mondo delle associazioni, con mostre, una biblioteca. Non pensiamo ad un teatro”.

“Da tre mesi – interviene il consigliere comunale Rocco Cordì – abbiamo chiesto la convocazione della Commissione Lavori Pubblici, ma non è stata ancora convocata. Per quanto riguarda la Caserma, vogliamo metterla in sicurezza, non demolirla”. Il problema vero, continua Cordì, come dimostrano la Caserma o il Castello di Belforte, “è che le scelte vengono continuamente dettate dall’emergenza: non si può governare la città in una logica di emergenza continua, un fatto che è lo specchio della incapacità di governo di questa maggioranza”.

Per quanto poi riguarda la mozione sulla cittadinanza a Berlusconi, Cordì sottolinea che “sarebbe bene che il consigliere proponente, Galparoli, la ritiri , come gli ha chiesto la Conferenza capigruppo, per evitare una nuova vergogna alla città: è una cosa ignobile, dato che si tratta di un personaggio condannato in via definitiva e decaduto come parlamentare”. Sel Varese ha poi espresso, sul fronte mini-Imu, la sua solidarietà ai cittadini  per i disagi subiti e al personale del Comune impegnato nella gestione del disastro.

 

 

18 gennaio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi