Varese

Varese, in casa di viale Belforte si confeziona polvere bianca. Due arresti

auto-polizia-23112012Nella tarda serata di ieri 17 gennaio, agenti della Squadra Mobile notavano passare un’auto in viale Belforte: a bordo dell’auto una donna e due uomini, e in particolare un cittadino albanese già noto per reati inerenti lo spaccio di stupefacenti. Gli agenti decidevano, così, di pedinare l’autovettura per qualche chilometro, sino ad appostarsi nei pressi di un’abitazione in cui entravano i tre a bordo dell’autovettura. La zona risultava già teatro di un precedente arresto a carico di altro cittadino albanese.

Poco dopo, gli stessi soggetti uscivano dall’appartamento e gli agenti decidevano di bloccarli; nel corso dell’intervento, i tre si scambiavano, urlando, frasi in lingua albanese e uno dei due tentava di darsi alla fuga, correndo verso l’abitazione. Fermati la donna e l’altro uomo, anche il terzo veniva fermato all’interno della palazzina, solo dopo aver tentato di disfarsi di una confezione in plastica contenente cocaina, distruggendola con i piedi e spargendola a terra.

La successiva perquisizione dava esito positivo per i due uomini: l’appartamento risultava appartenere ad uno dei due soggetti e vi si rinveniva, nella cantina sottostante, un involucro contenente, a sua volta, cocaina, già suddivisa in nove dosi e confezionata con parte del materiale in cellophane ritrovato nell’abitazione. In quest’ultima si sono trovati sacchetti in plastica dello stesso tipo utilizzato per il confezionamento e macchinari automatici per il confezionamento sottovuoto; due rotoli di sacchetti per macchina sottovuoto, alcuni dei quali con evidenti tracce di cocaina all’interno ed altri già tagliati e pronti, nonché un bilancino di precisione con evidenti tracce di cocaina; una perquisizione personale permetteva di rinvenire circa 70 euro, mentre all’interno di un mobile del salone, si sequestravano più di cinque mila euro in banconote di vario taglio.

Rilevanti sicuramente per il prosieguo delle indagini, le agende con annotazioni manoscritte di cifre associate a nomi e relativi conteggi e telefoni cellulari dai medesimi utilizzati.

I due sono stati tratti in arresto su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica di Varese – dott.ssa Annalisa PALOMBA -, che coordina le indagini, e associati presso il carcere cittadino. La donna, una ventottenne incensurata, cittadina albanese e convivente di uno degli arrestati, è stata denunciata per detenzione a fini di spaccio. Questa, fermata subito dopo essere uscita con i due uomini, veniva bloccata prima di gettare due sacchetti per immondizia che, controllati, risultavano contenere sacchetti per sottovuoto identici a quelli sequestrati nell’abitazione e contenenti tracce di cocaina.

18 gennaio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi