Lettere

La Caserma, rudere di pregio

Sinceramente speravo in una reazione maggiore da parte dei cittadini alla notizia del futuro abbattimento, anche se parziale, della nostra Caserma, ridotta ad un rudere. Il prof. Botta definisce l’edificio non di particolare pregio; ha ragione, ma le caserme sono tutte caratterizzate da una lineare austera architettura finalizzata alla funzionalità militare.

La nostra ha qualcosa di più: il cortile interno circondato su due lati da archi su pilastri sfugge alla linearità usuale di questi edifici con una certa eleganza, non visibile dall’esterno.

La Caserma, ora definita rudere, fa parte del patrimonio dei beni del nostro Comune. Lo era già prima storicamente, quando era di proprietà del Ministero della Difesa; è diventata ancor più patrimonio dei cittadini varesini quando è stata comperata dal Ministero stesso con soldi dei Varesini, che per quell’acquisto hanno rinunciato ad altri investimenti sulla città. Per quell’acquisto sono stati fatti sacrifici, che si evidenziano concretamente con le ripetute code di questi giorni e del passato per i tributi comunali, indirettamente per servizi che vengono a mancare su tutti.

In brevi termini: il rudere Caserma è patrimonio della città di Varese, è stata pagata non poco e si decide di abbatterla. Non si è voluta fare la minima manutenzione che ne avrebbe impedito il degrado, che con un po’ di malignità si può dire sembra addirittura essere stato cercato.

Penso che agli occhi dei cittadini di buon senso appaia evidente che ci si trova di fronte allo sperpero di denaro pubblico, all’incapacità di rispettare i valori storici della nostra città, all’incapacità di progettare servizi e iniziative utili alla città stessa. E penso pure che i cittadini siano stanchi di sentir incolpare altri eventi per giustificare gli insuccessi.

Anche l’opposizione ha le sue colpe? Non c’è dubbio, non è capace di farsi ascoltare, ma è dura quando per partito preso non vogliono ascoltarti …

Emilio Corbetta

Consigliere comunale Pd a Varese

17 gennaio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi