Varese

Varese, il Pd Marantelli: contro gli aumenti, regionalizziamo l’Autostrada dei Laghi

Il deputato Pd Daniele Marantelli

Il deputato Pd Daniele Marantelli

Ancora l’aumento del pedaggio sulla A8 al centro dell’attenzione. Dopo il presidio del Carroccio a Gallarate, è arrivato il momento del Partito Democratico che, con il deputato varesino Daniele Marantelli, mette i puntini sulle “i”: “Non mi faccio condizionare dalle iniziative propagandistiche della Lega – dice Marantelli – e voglio ristabilire la verità sul fronte rincari”. “C’è da chiedersi – insiste Marantelli – dov’erano questi ‘eroi del giorno dopo’ dato che il governo Berlusconi  IV di cui la Lega fece parte, approvò la concessione ad Autostrade per l’Italia dell’Autolaghi tra Varese e Milano, regalando, di fatto, fino al 2038, un’enorme rendita, senza rischi, alla società di cui è azionista di maggioranza la famiglia Benetton: il centrosinistra votò contro, la Lega a favore”.

Secondo il parlamentari si tratta di “aumenti ingiustificati” nel contesto della crisi attuale. Tuttavia “mentre lavoratori, imprese, professionisti hanno pagato alla crisi un prezzo molto alto – sottolinea -, i concessionari autostradali hanno goduto di rendite rilevanti con entrate cash e non da ottenere con mesi di attesa, come accade a tante imprese”.

Quella di Marantelli è una operazione-verità: “Nel 2010, in occasione di un rincaro  del pedaggio autostradale che serviva a colmare il buco aperto nei fondi Anas dalle spese per il Ponte sullo Stretto di Messina decise dal governo Berlusconi di cui la Lega faceva parte, fu il Pd ad organizzare alla barriera di Gallarate un presidio e a presentare in Parlamento degli emendamenti per abrogarlo. L’allora presidente Galli, della Lega Nord, bollò tale iniziative come ‘fuori luogo’ e la Lega non esitò a votare contro gli emendamenti”.

Ora è il momento di uscire dal vicolo cieco degli aumenti. E Marantelli, considerando che, durante il governo di centrosinistra, nel 2006-2008, venne approvato il federalismo infrastrutturale, lancia la proposta di “regionalizzare” l’Autostrada dei Laghi. “Una proposta che avanzo – spiega il parlamentare Pd – dato che si tratta di una autostrada che insiste tutta nella Regione Lombardia e non interferisce con altre Regioni”. Tra le ragioni che consentono di mettere in discussione la convenzione, il fatto che “si è registrato il mancato rispetto di alcuni termini, come gli investimenti”.

Una scelta che deve essere portata avanti dalle istituzioni, Regione Lombardia e Provincia di Varese in primis. “Alternative alla mia proposta? Nessuna, se non il mantenere lo status quo o lasciarsi andare alla sterile protesta”.

13 gennaio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Varese, il Pd Marantelli: contro gli aumenti, regionalizziamo l’Autostrada dei Laghi

  1. giovanni dotti il 13 gennaio 2014, ore 16:39

    Era ora che una voce autorevole del P.D. come quella dell’on. Marantelli si facesse sentire. E mettesse i puntini sugli “i”, ricordando la cronistoria e i mancati investimenti da parte della Società Autostrade nonostante i buoni profitti (con riscossione immediata) derivanti dalla gestione della Milano-Laghi. La soluzione prospettata dall’on. Marantelli mi pare condivisibile, anche per svincolare la gestione (in attivo) della Milano-Laghi da quelle (in passivo) di alti tratti e …. del Ponte sullo Stretto, opera inutile che non si farà mai! E’ anche ora di sganciarsi definitivamente dalla Lega, non vi pare ?

  2. Il pignoletto il 14 gennaio 2014, ore 10:39

    Vista l’attinenza dell’argomento riporto il commento che ho espresso sulle dichiarazioni di Bianchi, Segretario prov. della Lega, apparse su questo stesso blog:
    “”" Cari giovanotti: Salvini, Bianchi, ecc., ogni occasione è buona come cassa di risonanza ! Voi cercate di soffiare sui tizzoni quasi spenti della Lega per ravvivare il fuoco di quei leghisti che ancora credono nel dio Po, nel loro messia e i vari profeti. Perché non vi siete ribellati quando fu assegnata la concessione alla Società Autostrade per l’Italia ? La Milano-Varese poteva benissimo essere data in gestione alla Provincia di Varese che, non avendo finalità di lucro. avrebbe addirittura ridotto il pedaggio con ampia benedizione degli utenti. Su questo blog vi è anche un’intervista all’on. Marantelli, vi prego di leggerla e commentarla.”"”

Rispondi