Varese

Varese, Italia anno zero, parte il cineforum a Filmstudio 90

Il critico varesino Mauro Gervasini

Il critico varesino Mauro Gervasini

Cineforum alla Sala Filmstudio 90 a Varese. Quest’anno si punta decisamente sul presente del Paese con un titolo emblematico “Italia anno zero. Conflitti e integrazioni”, una serie di pellicole che saranno presentate e commentate dal critico cinematografico varesino Mauro Gervasini, giornalista e selezionatore delle pellicole del Festival del Cinema di Venezia. E infatti le pellicole della rassegna arrivano proprio dalla rassegna veneziana.

Si parte giovedì 16 gennaio – ore 21 con “Cosimo e Nicole” di Francesco Amato – Italia 2012, 101’, con Riccardo Scamarcio, Clara Ponsot, Paolo Sassanelli.

Genova, 2001. L’italiano Cosimo e la francese Nicole si incontrano sullo sfondo dei tumulti del G8 e si innamorano. Giovani e vagabondi, con una grande passione per la musica, decidono di girare l’Europa per poi ritornare proprio a Genova. Iniziano a lavorare per un loro amico e tutto sembra andare per il meglio, fino a quando una tragedia sfiorata metterà in discussione il loro amore ed il loro futuro…

Giovedì 23 gennaio – ore 21 “Alì ha gli occhi azzurri” di Claudio Giovannesi – Italia 2012, 94’, con Nader Sarhan, Stefano Rabatti, Brigitte Apruzzesi.

Stefano e Nader condividono ogni momento della loro esistenza. Entrambi adolescenti della periferia romana, uno italiano e l’altro egiziano, sono invischiati in loschi giri. Anche Brigitte, la fidanzata di Nader, è italiana ma i genitori del giovane si oppongono a un amore che considerano contrario ai loro valori. Dopo l’ennesimo scontro in famiglia, Nader decide di scappare di casa per andare incontro a una settimana in cui cercherà di scoprire la propria identità…

Giovedì 6 febbraio – ore 21 “Bassa marea – Low Tide” di Roberto Minervini – Italia/Usa/Belgio 2012, 92’, con Daniel Blanchard, Melissa McKinney, Vernon Wilbanks.

Un 12enne passa i suoi giorni da solo, mentre la madre single lavora ed esce con le amiche. Attraverso la sua solitudine, contemporaneamente fonte di libertà e di dolore, diviene consapevole del contrasto che esiste tra le regole della società e quelle della natura. Poi, un evento inaspettato manda in frantumi il suo delicato mondo interiore…

Giovedì 13 febbraio – ore 21 “Il terzo tempo” di Enrico Maria Artale – Italia 2012, 96’, con Stefania Rocca, Stefano Cassetti, Pier Giorgio Bellocchio

Samuel, dopo aver passato alcuni anni dentro e fuori dal carcere minorile per furti ed altri piccoli reati, viene inserito in un programma di rieducazione e affidato a Vincenzo, ex campione di rugby e ora assistente sociale che, a sua volta, attraversa una profonda crisi d’identità. Il riscatto di Samuel arriverà grazie alla squadra di rugby allenata da Vincenzo, e gestita da Teresa, e all’amore per Flavia, la figlia dell’allenatore, che lo porteranno a sperare in un futuro migliore.

Queste quattro pellicole prevedono un biglietto di 5 euro.

Sabato 15 febbraio – ore 17 “Il cinema italiano visto da Venezia”, incontro con Bruno Fornara, critico cinematografico, ingresso gratuito. Fornara, classe 1945, ha fatto studi classici ed è stato insegnante di materie letterarie. Dal 1978 al 2008 è stato presidente della Federazione Italiana Cineforum e direttore editoriale della rivista «Cineforum». Collabora con il settimanale di cinema «FilmTV», con «Rockerilla» e «Cineforum». Insegna alla Scuola Holden di Torino ed è consulente-selezionatore della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

 

INGRESSO GRATUITO

11 gennaio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi