Varese

Varese, aumenti pedaggi, Casa Pound volantina davanti a Benetton

Un momento dell'iniziativa di Casa Pound a Varese

Un momento dell’iniziativa di Casa Pound a Varese

Volantinaggio davanti alla Benetton di via Vittorio Veneto a Varese “per protestare contro l’aumento tariffario della Milano-Laghi, voluto da Autostrade per l’Italia e autorizzato dal Governo, e per informare i cittadini su chi si cela dietro l’aumento del 100% in 10 anni sulla tratta Varese-Milano”. A realizzarlo oggi pomeriggio è stata CasaPound Italia, che ricorda come nel nostro Paese ci sia “un numero ristretto di famiglie che detengono il controllo del mondo imprenditoriale nazionale”.

“I Benetton – sottolinea il movimento – sono una di queste. Attraverso la holding di famiglia hanno interessi in quasi ogni campo della vita economica italiana”. Casa Pund cita Alitalia, Autogrill, Aeroporti di Roma.

“Giova poi ricordare – prosegue la nota di Casa Pound – che il sistema autostradale italiano è formato da un gestore unico (Anas) e 26 società concessionarie. Il problema cronico del sistema sta nell’ampia discrezionalità e nell’assoluta mancanza di trasparenza nella politica tariffaria. Le concessioni sono di norma assegnate senza gara, a prezzi irrisori e per periodi di tempo molto lunghi (50 anni), oltretutto a lavori infrastrutturali ultimati e già ampiamente ammortizzati”.

In questi casi – conclude la nota – “le tariffe non coprono voci di costo ma vanno semplicemente a incrementare l’utile, diventando gioco-forza l’ennesima forma di tassazione indiretta che grava sulle famiglie italiane”.

 

11 gennaio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi