Varese

Nel Varesotto meno culle nel 2013. Più cicogne soltanto a Busto Arsizio

cicogna_neonato_NSecondo i dati diffusi dall’Azienda ospedaliera di Varese la cicogna, nella nostra provincia, nell’anno appena terminato e rispetto all’anno prima, è atterrata meno. E stato infatti minore il numero dei nati nel 2013 rispetto al 2012: meno 2,9% di nuove culle nel Varesotto.

Per quanto riguarda l’ospedale di Varese sono stati 3246 i parti avvenuti nell’anno appena concluso rispetto ai 3293 dell’anno precedente. Anche a Cittiglio, l’altro ospedale che fa parte dell’Azienda ospedaliera varesina, trend negativo dei parti: da 666 del 2012 a 664 dell’anno che si è concluso.Dunque per l’Azienda ospedaliera varesina è segno meno: meno 1,2%. L’Azienda ospedaliera comunica un’interessante curiosità: a Varese sono stati 99 i parti gemellari (il 3%) e 9 quelli trigemini (lo 0,20%).

Sul fronte dei parti, il segno meno riguarda anche altre due aziende ospedaliere della nostra provincia. Se guardiamo l’Azienda ospedaliera bustocca, sempre confrontando 2012 e 2013, anche in questo caso prevale il segno meno, con una punta massima a Tradate (81 parti in meno) e un trend negativo minore a Saronno (8 parti in meno). Fa eccezione l’ospedale di Busto Arsizio, che invece presenta l’unico più: più 9 parti tra 2012 e 2013. Resta un segno meno complessivo per l’Azienda ospedaliera bustocca: meno 2,6%.

Maglia nera, invece, all’Azienda ospedaliera gallaratese per quanto riguarda i nuovi nati. A Gallarate, sempre confrontando i dati 2013 con quelli del 2012, ci sono stati 101 parti in meno, mentre ad Angera ce ne sono stati 29 in meno. Segno meno complessivo per l’Azienda ospedaliera gallaratese con un meno 7,4%.

3 gennaio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi