Varese

Varese, Luisa Oprandi, poeta bosino dell’anno con la battaglia di Biumo

Luisa Oprandi

Luisa Oprandi

Luisa Oprandi, insegnante al Manzoni, unica donna consigliera comunale a Varese (eletta nelle file del Pd dopo avere quasi strappato il seggio di Palazzo Estense a Fontana), protagonista nel mondo del volontariato, è anche apprezzata poetessa: poetessa che scrive in bosino. E in quest’ultima veste è stata proclamata ieri Poeta bosina dell’anno da parte della Famiglia Bosina. Era la terza volta che partecipava al concorso e per la terza volta consecutiva si è aggiudicato l’ambito trofeo. E se lo è aggiudicato con un canto dedicato alla gloriosa epopea risorgimentale varesina.

“Personalmente, come ho detto ieri alla premiazione, ho sempre interpretato questo concorso come stimolo a narrare fatti della vita collettiva più che personali. Ho parlato infatti della Battaglia di Biumo del XXVI maggio: una svolta storica nel nostro Paese e partita proprio dalla nostra città”, commenta Luisa dopo avere ottenuto il riconoscimento in Salone Estense, un luogo che frequenta anche come consigliere d’opposizione. Continua; “Varese prima città liberata, allorchè sulla torre civica della Piazza centrale e sul campanile della chiesa di Biumo Inferiore è sventolato per la prima volta il tricolore. Anche alcuni dipinti conservati al museo di Villa Mirabello raccontano dell’arrivo di garibaldi a Sesto Calende, del passaggio successivo a Varese,  della capacità dell’ “Eroe dei due mondi” di calamitare attorno a sè un entusiasmo popolare e collettivo, ansie di libertà e liberazione, aneliti di unità”.

La Oprandi ricorda come questa storia comune è stata raccontata con la lingua di allora: “con la lingua – dice ancora la Oprandi –  che immagino parlassero i protagonisti di allora. Non penso ci sia un racconto in versi di qualche contemporaneo che parli di questo “nostro” momento cittadino da non dimenticare. Per tale ragione ho inviato il testo “regalandolo” alla Associazione “Varese per l’Italia 1859″ perchè possa, se dovesse mai servire, utilizzarlo in modo assolutamente libero”.

Tre anni di vittorie consecutive sono occasione per ringraziare la giuria dell’apprezzamento e della stima. “Ieri, quando ho saputo al momento della proclamazione della ennesima vittoria – dichiara la professoressa di Valla Olona – ho pensato istintivamente a mio padre, grande appassionato oltre che di storia anche del ciclismo. E mi è tornato alla mente un racconto che mi faceva: Alfredo Binda, dopo avere vinto per tre volte consecutive il giro d’Italia (su cinque vittorie in tutto), si è astenuto dal gareggiare. Perciò, prendendo esempio, ho ufficialmente comunicato agli organizzatori del premio e al centinaio di presenti che continuerò a onorare questo concorso cittadino inviando un testo annualmente, ma chiedendo assolutamente di essere posta d’ora in poi “fuori concorso” e che non mi venga assegnato più alcun premio: poeti bravi ce ne sono tanti ed è giusto che il riconoscimento vada distribuito”.

Ma prima di terminare Luisa Oprandi si toglie un sassolino: “La speranza è che anche nella politica succeda così e che non diventi un “diritto acquisito”: non accada cioè di potere ricoprire cariche solo perchè si è ormai “politici di professione”".

Ecco il testo completo della poesia che ha vinto, “L’eva de màgg”:

 

Al piuveva che Dio la mandàva,

sbarlüsivan saétt sura ai técc,

una mügia da gent per la stràva :

donn e ómann, i fiöö e anca i vécc…

 

Cumé quand se fa festa in paés,

tücc inséma eran lì fö de cà,

una sira de màag chì a Varès,

maseràa sota l’aqua a spécià.

 

In de l’aria, uramai da un quäi dì,

un quaicóss de nuèll se sentiva:

Garibaldi, cui so l’éva lì,

giammò a Sest, cui barcùn, sü la riva,

 

bèll e prunt cunt i só Caciadùr

e nel cör la speranza de ‘nà,

mò che l’era de chi dal Magiùr,

dai Lumbardi a purtacch libertà.

 

E Varès la sarìa diventada,

püssée bèla de quéla che l’è,

lée la prima città liberàda,

d’una patria nei mann del só re

 

“Nünch sémm prunt” – l’eva dì ul Picinell,

mandà lì de gran cursa à visàll -

“General, sto mument inscì bèll,

quanta gent che l’è prunta a sugnall….!

 

Gh’hé un prufümm che già par primavera

e un calur cumè quell de l’estàa,

ne la piazza una bèla bandera,

che, nel vent , a l’è drèe nà scià e là:

 

téla là, propri a valt sü la tur ,

l’à metüda ul Sciur Pudestà,

par che ‘l diga sto bel triculur:

cun curàcc cuntra l’’Austria se và”

 

Quéla nott , lì nel ciel, sbarlüsivàn

i lümitt ai finestar di cà

e ne l’aria de màag se sentivàn

bèi canzùn e ‘na banda a sunà.

 

Cumè un fiüm che al va gió fin al màr,

se impienìva de gent ogni stràva,

cunt i fiacùll per fà püssée ciàr

e vidé ul General che ‘l rivàva.

 

Però intant ul nemiss l’èva là,

vers a Comm, nascundü per pudé

saltà föra d’un bott e cascià

i suldà del Giüsepp a cüu indré

 

Ma in düü dì, cun tütt quel che pudèvan

truvà in gir per fà sü i baricàa,

i nost gent la città difendèvan

perché Urban gh’eva mia da pasà.

 

Pö, d’un bott, la matìna ai quatr’ur

In la piazza de Biüm l’è sciupàda,

Impruvisa e cunt un gran rumùr,

la bataglia sü la baricàda

 

püssée granda de tüta Varès,

lì pugiàda, tacàda a una gèsa…

E quéll bell dì de màag, ventisès,

Von Urban l’è ubligàa a dà la rèsa…

 

L’è da alùra che sèmm che ul Paès,

che de tücc l’è la patria e la cà,

l’è nasü da quell dì chì a Varès

e nissün ,mai, spartill pudarà.

 

Luisa Oprandi

 

 

 

1 gennaio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi