Varese

Varese, riflettori dell’Arma sui videopoker. Oltre 30 gli esercizi controllati

CarabinieriNella settimana che si è conclusa, i Carabinieri del Comando Provinciale di Varese hanno proseguito i loro controlli. Sono stati messi in campo oltre 500 uomini, 350 automezzi, 3 stazioni mobili, con il concorso anche di unità cinofile del Nucleo di Orio al Serio e di squadre operative del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Varese.
Particolare attenzione è stata dedicata al settore dei “videopoker”: sono stati controllati 32 esercizi pubblici e rilevate 9 sanzioni amministrative per violazioni varie alla normativa di settore, con l’elevazione di sanzioni per un importo complessivo di circa 3.000 euro.
Nel corso della settimana sono stati 7 gli arresti effettuati dai Carabinieri del Comando Provinciale di Varese e 19 le persone individuate quali autori di reato; 3400, di cui 680 extracomunitari, le persone controllate e oltre 1500 i mezzi. I controlli e le numerose perquisizioni domiciliari effettuate hanno consentito di rinvenire e sequestrare oltre 50 grammi di sostanze stupefacenti, tra “marijuana” e “hashish”, che hanno portato complessivamente alla denuncia in stato di libertà di 4 persone; complessivamente sono stati 26 i giovani segnalati alla Prefettura quali assuntori. In azione anche gli etilometri, con la denuncia in stato di libertà di 4 persone e l’elevazione di 31 sanzioni amministrative che hanno portato al ritiro di 16 patenti di guida e a multe per un importo complessivo di oltre 2500 euro.
E’ stata ulteriormente intensificata l’azione di contrasto ai reati quali furti e rapine, specie in prossimità dei centri cittadini e delle zone maggiormente interessate dallo “shopping” natalizio, con servizi preventivi svolti contestualmente da militari in uniforme e in abiti civili.
In tutta la Provincia sono state 6 le persone denunciate in stato di libertà (a cura dei Carabinieri di Busto Arsizio, Luino e Varese), con il recupero di refurtiva varia – tra capi di abbigliamento, preziosi e generi alimentari – per un valore complessivo di oltre 5.000 euro, tutta già restituita ai legittimi proprietari.
Particolare attenzione continua ad essere dedicata alla tutela dei più deboli: nella settimana appena conclusa, due persone sono state arrestate rispettivamente per “minaccia aggravata” e “atti persecutori” (a cura dei Carabinieri del Comando Compagnia di Varese, a carico di un 35enne marocchino, reo di ripetute minacce e percosse a carico di due donne) e per “violenza privata”, “minaccia” e “danneggiamento” (a cura dei Carabinieri della Compagnia di Saronno, a carico di un 49enne reo di aver minacciato con arma regolarmente detenuta la propria consorte e successivamente di aver esploso contro l’auto di quest’ultima 3 colpi di pistola, mentre la donna tentava di allontanarsi).
Tre persone sono state denunciate in stato di libertà per “abbandono di persona incapace” (a cura dei Carabinieri della Compagnia di Varese a carico di una donna e due uomini colpevoli di aver abbandonato un proprio anziano congiunto affetto da varie patologie in locali non idonei). Il massiccio dispiegamento di forze è stato orientato anche all’intensificazione dei controlli sulle principali vie e snodi di comunicazione della Provincia con l’effettuazione di posti di controllo e di blocco in particolare in prossimità dei caselli autostradali dell’A8, delle Stazioni Ferroviarie e di Autolinee, delle zone di confine con la Confederazione Elvetica e delle limitrofe Province di Milano, Novara e Como.

 

30 dicembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi