Varese

Varese, il Presepe Vivente benedetto anche da Papa Francesco

OLYMPUS DIGITAL CAMERAUn angelo si cala dal Bernascone, ammirato dalla gente del popolo. E’ l’inizio del Presepe Vivente che si è tenuto questo pomeriggio in piazza San Vittore,  uno degli appuntamenti natalizi più amati e attesi dai varesini. Questa volta il regista Andrea Chiodi ha scelto di fare un omaggio al primo Presepe Vivente, quello che, già compromesso nel fisico, pensò di realizzare Francesco d’Assisi a Greccio nel Duecento. Prendendo spunto da alcuni dettagli dell’affresco di Giotto, quello che, nella Basilica Superiore di Assisi, è dedicato proprio al Presepe di Greccio (nella parte alta della scenografia del Presepe varesino si vedeva il retro del crocifisso di San Damiano). Le offerte raccolte in occasione del Presepe Vivente erano destinate a progetti Avsi, come ha ricordato, prima dell’inizio della rappresentazione, Alberto Reggiori, medico volontario Avsi. 

Alcuni popolani si passano la parola. Si dicono, l’un l’altro, che Francesco coltiva il sogno di proporre dal vivo la Natività. Un sogno che Francesco realizza, con una piccola capanna, due animali, una coppia di sposi, e una marea di bambini che, dall’Arco Mera, invadee la piazza e sale sul palco. Una fisarmonica intona le note del brano di Claudio Chieffo “In questa notte splendida”, un suggestivo brano natalizio che incanta la piazza.

Ancora una volta il Presepe Vivente di Varese si conferma una piccola opera d’arte che ha visto piazza San Vittore affollatissima. Con pochi elementi in scena e alcuni bravi attori, Chiodi è riuscito a ricreare il clima di un Natale intimo e popolare, molto in linea con il vento nuovo portato da Papa Francesco. E al termine della sacra rappresentazione, il prevosto di Varese, monsignor Gilberto Donnini, ha dato lettura di un messaggio augurale dello stesso Pontefice, che ha benedetto la città di Varese. Un sorriso si è stampato sul volto di amministratori locali seduti in prima fila e gente comune: la fama del Presepe di Varese è arrivata in Vaticano.

 

FOTO

23 dicembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi