Bergamo

Bergamo, dimessa la piccola Valentina. Ora è il momento di fare il presepe

unnamed (3)Valentina ieri è stata dimessa dall’Ospedale Papa Giovanni di Bergamo! A meno di due mesi dal suo ricovero, Valentina è pronta a riappropriarsi del futuro che solo poco tempo fa sembrava dovesse sfuggirgli per sempre.

Non solo ha un fegato che funziona e che, per il momento, sembra essersi perfettamente inserito nel suo corpo, ma il trapianto le ha anche dato la guarigione dalla malattia di Wilson di cui era affetta e che le aveva provocato la gravissima disfunzione epatica. Il suo recupero è stato incredibile, se si pensa alle condizioni molto critiche in cui è arrivata in Italia, quando aveva solo due settimane di vita!

Valentina era felicissima di uscire a scoprire un paese per lei nuovo e molto diverso da quello che ha lasciato. Un paese, l’Italia, al quale lei ormai è molto affezionata, per come è stata accolta e curata, e che non vede l’ora di conoscere meglio. Valentina, con il suo sorriso, la sua dolcezza e la sua forza, che le ha permesso di affrontare prove durissime, ha fatto innamorare tutto il reparto.

Dovrà sottoporsi a molti controlli e già lunedì è in programma un day hospital. Per questo dovrà rimanere ancora vicina all’ospedale di Bergamo e per un anno dovrà rimanere in Italia. E’ ospitata in una casa accoglienza, gestita dall’Associazione Home Onlus di Verdello, che si occupa di dare aiuto e sostegno ai bambini come Valentina, grazie al mitico e fantastico Gigi, che ha preso sotto la sua ala protettiva Valentina e la sua mamma.

Nella casa dove Valentina è arrivata per la convalescenza, hanno atteso il suo arrivo per fare il presepe e le classiche decorazioni natalizie. Una tradizione alla quale Valentina ha partecipato con entusiasmo, anche perché non ha mai avuto, a causa della povertà della sua famiglia, un Natale caldo e ricco di atmosfera come quello che potrà vivere quest’anno. Le dimissioni di Valentina sono state il più bel regalo di Natale che potessimo ricevere.

20 dicembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi