Varese

Varese, nuovo Pgt, i cento emendamenti targati Pd. Stop alla Gasparotto-Borri

OLYMPUS DIGITAL CAMERAOltre cento emendamenti targati Partito Democratico saranno presentati alla maratona del Consiglio comunale di Varese dedicata all’esame del nuovo Pgt in vista della sua adozione entro il 31 dicembre di quest’anno. Emendamenti che, come subito chiarisce il capogruppo Pd in Comune, Fabrizio Mirabelli, “rispondono ad un atteggiamento costruttivo, ma che esprimono una visione alternativa a quella della maggioranza Lega-Pdl” (da sinistra, nella foto, Corbetta, Paris, Conte, Mirabelli, Civati, Infortuna).

Alternativo alla maggioranza, il punto di vista del Pd, a partire dal primo emendamento che è stato illustrato dal segretario cittadino, Luca Paris, che affronta il concetto di perequazione: no all’obbligo di acquistare un terzo dei diritti edificatori come invece stabilisce il Pgt che arriverà in Aula. “Con un nostro emendamento – dichiara Paris – vogliamo semplificare la procedura, alleggerire i costi, ridurre l’incertezza”.

Il capogruppo Fabrizio Mirabelli lancia un progetto di housing sociale. Mirabelli si riferisce ad un’area che si trova tra via Thouar, via Ottorino Rossi e piazzale Bulferetti, già individuato dalla Provincia. “Possono essere realizzati 26 bi e trilocali da parte del Molina, uno spazio di housing sociale rivolta agli anziani con una retta per pasti e lavanderia”.

Interviene Andrea Civati, il consigliere Pd che ha seguito il lungo percorso del nuovo Pgt in Commissione Urbanistica. Lui, di emendamenti, ne presenta ben 95. “Emendamenti – spiega Civati – che si richiamano a tre principi: basta con il consumo di suolo, difesa dei luoghi simbolo della città come Ville Ponti e Palace Hotel, ma soprattutto stralcio della Gasparotto-Borri e del prolungamento di viale Europa, due interventi inutili, che intaccano aree verdi”. Due gli emendamenti che presenta Emilio Corbetta, che chiede rispetto per il bel paesaggio della città. Oltre a ciò propone una vignetta sul Pgt che “distrugge” la città, simboleggiata dal crollo della Torre Civica e dal Bernascone.

Saranno 14 gli emendamenti che illustrerà in Aula il consigliere Luca Conte, che punta sugli interventi del Pgt sul corso dell’Olona. Con un emendamento stoppa l’estensione dell’Iper che consuma suolo. C’è anche un ordine del giorno sul nuovo carcere che, secondo il Pgt, dovrebbe sorgere al Campaccio. “Non è possibile, è privo di collegamenti adeguati”. Due gli emendamenti del consigliere Giampiero Infortuna, che punta i riflettori sugli impianti sportivi: riqualificazione del campo Vivirolo, già utilizzato da tre società sportive. Poi Infortuna chiede che un parcheggio a raso sia realizzato sul terreno comunale di via Maspero. “Deve essere l’alternativa al parcheggio di Villa Augusta, che costa tre milioni e mezzo di euro”.

14 dicembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, nuovo Pgt, i cento emendamenti targati Pd. Stop alla Gasparotto-Borri

  1. giovanni dotti il 21 dicembre 2013, ore 13:26

    Vedo con piacere che il P.D. varesino ha cominciato a fare una opposizione seria. Avanti così, con la nuova leadership nazionale e locale i risultati non si faranno attendere.

Rispondi