Varese

Varese, dai Monelli della Motta i fratelli Castiglioni e i versi bosini di Speri della Chiesa

OLYMPUS DIGITAL CAMERAUn gazebo, quello dei Monelli della Motta allestito all’angolo di piazza Monte Grappa, molto vivace e frequentato. Sono tanti i varesini che, nel giro per lo shopping natalizio, si fermano davanti ai Monelli che pubblicizzano il programma di una delle feste più amate in città, il Falò di Sant’Antonio 2014, che si svolgerà il 16 gennaio, mentre il giorno dopo, il 17 gennaio, sarà il momento della messa e della benedizione degli animali. Un gazebo per raccogliere fondi che saranno destinati, come spiega il presidente dei Monelli, Giuseppe Redaelli, affiancato da don Marco Casale, responsabile della Caritas varesina, alle attività assistenziali della stessa Caritas varesina e alla mensa delle Suore della Riparazione di via Bernardino Luini.
Ma non c’è solo la solidarietà, al banco dei Monelli, che offrono a tutti i varesini anche un bel bicchiere di vin brulé: al banchetto si parla anche di cultura. Nel pomeriggio di oggi sono arrivati al gazebo i due fratelli Castiglioni, Angelo e Alfredo, archeologi di fama mondiale, che hanno firmato copie del loro libro “Ricordi d’Africa”. A parlare del volume è intervenuta anche la giornalista e scrittrice Nicoletta Romano, direttrice del mensile Living is Life (nella foto i fratelli Castiglioni, Redaelli e la Romano insieme ai Monelli della Motta).
Tra gadgets, spille, cartoline, al gazebo dei Monelli anche un bel volumetto fotografico che è dedicato al Falò. Qualche foto di repertorio in bianco e nero e poi via con una carrellata di immagini a colori che ripercorrono i giorni della sagra. Prima i preparativi della grande pira, poi le fiamme, quindi la benedizione degli animali e il lancio dei palloncini colorati da parte dei ragazzi delle scuole cittadine. Vera “chicca” del volume, il cui ricavato – come si legge nelle sue pagine – sarà destinato ad attività benefiche, la riproduzione di due Giaculatori a Sant’Antoni del porscell scritte dal poeta bosino Speri Della Chiesa, versi coloriti e con un profumo d’antico che rendono il volume ancora più accattivante.

14 dicembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, dai Monelli della Motta i fratelli Castiglioni e i versi bosini di Speri della Chiesa

  1. Varese, dai Monelli della Motta i fratelli Castiglioni ei versi bosini di Speri della …Lupo Cecoslovacco | Lupo Cecoslovacco il 27 dicembre 2013, ore 07:55

    […] Varese, dai Monelli della Motta i fratelli Castiglioni ei versi bosini di Speri della … Prima i preparativi della grande pira, poi le fiamme, quindi la benedizione degli animali e il lancio dei palloncini colorati da parte dei ragazzi delle scuole cittadine. Vera “chicca” del volume, il cui ricavato – come si legge nelle sue pagine – sarà … Read more on Varese Report […]

Rispondi