Varese

Il Nuovo Centro Destra di Alfano a Varese: “noi non stiamo con i forconi”

OLYMPUS DIGITAL CAMERADopo il lancio di Forza Italia, è sbarcato a Varese il Nuovo Centro Destra di Angelino Alfano. Una formazione che si muove nell’area post-berlusconiana e che ha in programma un’assemblea pubblica nella città giardino sabato 14 dicembre, alle ore 10.30, presso il Teatro Santuccio in via Sacco. Questa mattina alcuni big ex Pdl provinciale, ora nel Ncd, si sono dati appuntamento per il lancio della prima iniziativa pubblica.

Senza dubbio il leader varesino è Raffaele Cattaneo (al centro nella foto, accanto a Bottini e Bonfanti), presidente del Consiglio regionale della Lombardia, che dopo un breve passaggio in Lombardia Civica di Monti, era tornato nel Pdl, per poi scegliere ora l’ala filo-governativa ex Pdl che si chiama Ncd. Insieme a lui altri esponenti cattolici ex Pdl: Paolo Aliprandi e il vicesindaco di Varese Carlo Baroni, il consigliere comunale Piero Galparoli. Nel gruppo dei cattolici anche Antonio Chierichetti, avvocato bustocco, esponente dei Popolari Varesini. Ma accanto ai cattolici, questa mattina si sono presentati all’incontro diversi esponenti laici ex Pdl, come l’ex sindaco di Gallarate, Nicola Mucci, l’ex vicepresidente della Provincia di Varese, Gianfranco Bottini, un altro ex assessore provinciale, Alessandro Bonfanti, ex An. Presenti anche Marco Magrini, sindaco di Cassano Valcuvia e presidente della Comunità Montana Valli del Verbano, Alberto Bonetti Baroggi, ex consigliere regionale Pdl, già capo di gabinetto di Letizia Moratti, Donato Lozito, ex consigliere comunale Pdl gallaratese, Luciano Lista, ex assessore bustocco del Pdl. Tra gli esponenti del nuovo partito, Gianmaria Favaloro, ex coordinatore giovanile provinciale Pdl.

Una serie di adesioni che copre non solo Varese, ma anche il sud e il nord della Provincia, e che, con Cattaneo, si definisce “con due piedi nel centrodestra”. Questo per rassicurare le giunte di centrodestra, quella di Varese e quella di Busto Arsizio, che per il momento “non cambia nulla”. E, per ribadire il concetto, Cattaneo ricorda che “per le prossime amministrative, il Ncd punta ad una aggregazione nell’area moderata del centrodestra”. Spiegando cosa significa “moderati” per loro, il presidente del Consiglio regionale dice “non stiamo con i forconi, ma stiamo dalla parte della legalità, della famiglia e di chi lavora”. Quanto alla Lega Nord di Matteo Salvini, il partito con cui gli ex Pdl di Alfano stanno in giunta a Varese e Busto, Cattaneo ribadisce: “Non mi piace Salvini quando dice che i Forconi dovrebbero entrare in Parlamento”. E quanto alla campagna padana No Euro? “Siamo europeisti convinti, ci riconosciamo nell’Europa del Ppe”.

Prende la parola anche Gianfranco Bottini, che spiega i prossimi passi del partito: “Non faremo il tesseramento perchè così evitiamo i signori e i signorini delle tessere”. Si punterà sui circoli (minimo dieci aderenti), ai quali spetterà il compito di esprimere i delegati per l’assemblea costituente. Per quanto riguarda ai valori “più democrazia”, come dice Bottini. E meriticrazia: “per quanto riguarda i collegi del Nord della provincia – rimarca Cattaneo – non ci saranno nipoti di Cossiga o avvocati di Berlusconi da votare”.

 

 

13 dicembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi