Varese

L’eurodeputata Comi: “Forza Italia? Ritorno al futuro”. Puricelli nuovo coordinatore

OLYMPUS DIGITAL CAMERARitornano gli Azzurri, ritorna Forza Italia. Con tanto di bandiera, dirigenti e militanti. A Varese il vecchio-nuovo partito si è ripresentato al Caffè Zamberletti, in mancanza di una sede. Un ritorno capitanato dall’eurodeputata e coordinatrice provinciale dell’ex Pdl Lara Comi. “Questo ritorno in campo – spiega la Comi – doveva avvenire il 7 dicembre, ma in Lombardia lo abbiamo anticipato al 6 dicembre, perchè il 7, giorno di Sant’Ambrogio, era una festa troppo importante”. Accanto alla Comi siedono due vice-coordinatori provinciali dell’ex Pdl Gianpaolo Ermolli e Giuseppe Taldone, assessore alle Politiche sociali di Luino. Presente al tavolo anche il consigliere regionale Luca Marsico. Fuori i ciellini, ora Forza Italia riprende la corsa. Almeno questo pare essere l’immagine che vuole dare sotto le bandiere forziste.

La Comi parla di un “ritorno al futuro”: “Forse ce lo sentivamo che saremmo tornati a Forza Italia, dato che non abbiamo mai tolto dalla sede del Pdl le bandiere forziste”. L’eurodeputata tratteggia un ritratto molto ottimista del nuovo partito: Club Silvio Berlusconi che fioriscono ovunque, nomine che si sbloccano dopo anni di congelamento. “Per i nuovi vertici vogliamo indicare persone che rappresentano le istituzioni, persone che siano state elette dai citadini”, continua la Comi, ricordando i rilievi della Consulta relativi all’elezione dei deputati del Parlamento. “Il 70% degli ex Pdl è rimasto con noi – dice la Comi -, in Forza Italia è rimasto lo zoccolo duro”.

Entusiasmo e voglia di ricominciare. La Comi annuncia i nuovi coordinatori cittadini di Busto Arsizio e di Varese: si tratta rispettivamente di Alessandro Chiesa, architetto e consigliere comunale, e di Roberto Puricelli, medico e presidente del Consiglio comunale di Varese. E su Varese, la Comi si toglie un sassolino dalla scarpa: “Varese si era assopita, e tante critiche erano state fatte al coordinatore per mancanza di iniziative”. Due coordinatori che sono stati “nominati” dai vertici dell’ex partito che, però, spiega ancora la Comi, si è trasformato nel nuovo partito su una linea di continuità. “Non è un nuovo partito, ma la trasformazione del Pdl in Forza Italia, scelta fatta all’unanimità dal Consiglio nazionale e non condivisa da coloro che, uscendo, hanno fondato il Nuovo Centro Destra”.

E i congressi? L’eurodeputata spiega: “Prima vanno rifatti i tesseramenti per capire chi siamo e quanti siamo. Comunque i congressi cittadini li faremo dopo le prossime elezioni amministrative”. La Comi non esclude neppure un congresso provinciale.

Intervengono anche il consigliere regionale Luca Marsico: indica la bandiera e la giudica “un simbolo glioriosissimo”. Per lui i valori di riferimento restano la democrazia interna, la meritocrazia, la rappresentatività del territorio. Gianpaolo Ermolli torna sulla sede che non c’è e dice che “le nostre sedi sono le piazze”. Poi aggiunge: “Non abbandoniamo le barricate mentre è in corso la rivoluzione liberale”. Infine Taldone ricorda l’imminenza delle elezioni europee, primo banco di prova.  Ma è Marcello Pedroni, responsabile provinciale forzista per gli enti locali e presidente dell’associazione Agorà (ex Pdl laico) che spiega che, in vista delle elezioni, “stiamo lavorando per allearci ancora con la Lega Nord”. E quanto ad alleanze con il NCD appare possibilista.

 

6 dicembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi