Economia

Varese, tre milioni di euro di prestiti a lavoratori grazie ad intesa Unipol-Giunca

operai_in_fabbrica_1-300x225Un plafond di 3 milioni di euro per prestiti personali di microcredito di cui potranno beneficiare 1.700 lavoratori delle aziende manifatturiere della provincia di Varese, aderenti a Giunca, la prima rete d’impresa per il welfare aziendale in Italia. A mettere a disposizione le risorse è Unipol Banca che ha stretto una convenzione con Giunca, nata da un anno con lo scopo di dar vita a iniziative comuni di assistenza per tutti i dipendenti delle aziende coinvolte. La convenzione siglata con Unipol Banca permetterà ai lavoratori delle aziende aderenti a Giunca di accedere a prestiti personali, a conti correnti dalle condizioni agevolate e a una carta conto ricaricabile.

L’accordo tra Unipol Banca e Giunca permette l’erogazione di prestiti per un importo massimo di 5mila euro, con un rientro in 36 mesi, e un tasso di interesse calcolato sull’Euribor a 6 mesi, più uno spread del 6%. Basandosi sull’Euribor di luglio, un lavoratore di una delle aziende della rete Giunca che chiedesse in prestito una somma di 5mila euro, dovrebbe rimborsarla in 36 rate da 155,4 euro ciascuna.

Oltre ai prestiti personali l’accordo permetterà ai lavoratori di accedere ad altri prodotti a costo e a condizioni vantaggiose come l’apertura di conti correnti e la sottoscrizione di una Carta conto ricaricabile. Sarà possibile inoltre sottoscrivere a prezzi scontati anche assicurazioni vita e auto con Unipol Assicurazioni.

“Con questo accordo stretto con Unipol Banca – commenta Lucia Riboldi, Presidente della rete d’impresa Giunca – continuiamo il percorso intrapreso dalle aziende della nostra rete d’impresa che intendono dare un aiuto concreto sul fronte del welfare ai propri collaboratori. Realtà piccole, medie e multinazionali dei più vari settori industriali presenti in provincia hanno dato vita ad un progetto ancora unico sul piano nazionale che si sta affermando sempre di più come un concreto supporto alle esigenze dei lavoratori. Oggi si compie, in questo senso, un passo importante. Questa convenzione di microcredito permetterà alle persone che hanno bisogno di liquidità di accedere più facilmente a mini-prestiti, con l’ulteriore vantaggio di poter contare su condizioni di sicuro interesse, rispetto a quelle che le singole famiglie dei nostri lavoratori potrebbero spuntare da sole sul mercato. Pensiamo soprattutto a quei periodi dell’anno in cui si accavallano spese per i figli, bollette, impegni fiscali o di altra natura, ma comunque improcrastinabili, che mettono a dura prova la solidità finanziaria dei nuclei familiari”.

“In un periodo molto complesso quale quello che stiamo vivendo e che incide purtroppo anche sulla realtà varesina, – dichiara Danilo Torriani, – Vice Direttore Generale Area Commerciale di Unipol Banca – crediamo che il dovere di una banca come la nostra sia quello di dare fiducia e supporto a chi lo merita e far ripartire il volano della crescita. Con questa importante iniziativa, in coerenza con il profilo del nostro Istituto, continuiamo ad essere al fianco delle famiglie e delle imprese del territorio e dei loro dipendenti, offrendo proposte finanziarie e servizi bancari su misura destinati a sostenere le famiglie in situazioni di particolare disagio economico”.

“Si sta delineando così – conclude la Presidente di Giunca, Lucia Riboldi – tutto un elenco di servizi composto anche da sconti per l’acquisto di testi scolastici per i figli, servizi di mensa messi in rete tra le aziende, servizi di riparazione carrozzerie e soccorso stradale. Un panel che, con l’aggiunta di un prodotto ad hoc studiato per l’accesso al credito dei nostri lavoratori, punta dritto a quello che oggi è, non solo per le imprese, ma anche per le famiglie, il problema dei problemi”.

Nata a ottobre 2012 Giunca (Gruppo Imprese Unite Nel Collaborare Attivamente) è la prima rete d’impresa che ha la mission di ideare iniziative di welfare aziendale a vantaggio dei dipendenti. A costituirla 10 imprese del Varesotto appartenenti a vari settori manifatturieri: quello delle costruzioni, della plastica, della chimica, della farmaceutica e della meccanica. In tutto ad essere coinvolti sono 1.682 dipendenti delle aziende T.M.C. Srl, Chemisol Italia Srl, Viba Spa, Tioxide Europe Srl, Momentive Specialty Chemicals Italia Spa, Novartis Farma Spa (si aggiungeranno a breve anche le altre società del Gruppo Novartis: Sandoz, Novartis Consumer Health, Novartis Animal Health), Sanofi-Aventis Spa, Lati Industria Termoplastici Spa, Bilcare Reasearch Srl, B.D.G. EL Srl. Multinazionali, grandi imprese industriali e Pmi manifatturiere del Nord e del Sud della provincia che si sono messe insieme anche grazie all’assistenza offerta dall’Unione degli Industriali della Provincia di Varese.

4 dicembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi