Varese

Varese, in Consiglio il Pdl applaude Berlusconi. Duro il Movimento 5 Stelle, ma resta isolato

berluUn applauso convinto, tra un palpabile imbarazzo degli altri consiglieri, è partito ieri sera, in Consiglio comunale a Varese, dai banchi del Pdl, un partito scomparso in Italia, ma che a Palazzo Estense sopravvive. Un applauso partito da tutti i consiglieri del Pdl al termine dell’intervento del consigliere Piero Galparoli, che aveva espresso la solidarietà sua e del gruppo al Cavaliere Silvio Berlusconi, condannato in via definitiva e ora decaduto anche dal suo ruolo di parlamentare.

Qualche sconcerto ha sollevato l’espressione di Galparoli “trattamento ignominioso che in Parlamento diverse forze politiche presenti anche qui in Consiglio” hanno riservato a Berlusconi. “Al presidente Berlusconi – ha concluso Galparoli – va la nostra solidarietà politica e umana”.

A questo punto termina l’intervento di Galparoli, che è noto per avere più volte dimostrato un forte legame con il Cavaliere. Ma al termine del suo intervento, un applauso scrosciante parte dai banchi Pdl, senza differenze tra coloro che oggi potrebbero militare in Forza Italia e quelli che, invece, potrebbero scegliere il nuovo partito di Angelino Alfano.

Pochi minuti per riprendersi, e in Aula scoppia la polemica. Prende la parola Francesco Cammarata, consigliere del Movimento 5 Stelle, che con durezza interviene, ma resta isolato. Guardando Galparoli, il suo giudizio è tranciante: “Berlusconi – dice Cammarata – in Senato ha portato zero provvedimenti, zero di tutto. Zero era prima, zero è ora che è decaduto”. Cammarata ricorda – opportunamente – che Berlusconi è decaduto dopo tre gradi di giudizio da parte della giustizia italiana. Un giudizio sferzante, ma che resta isolato. Altri partiti d’opposizione, come il Pd, non fanno obiezioni. Tutto tace. E il Consiglio prosegue.

 

29 novembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, in Consiglio il Pdl applaude Berlusconi. Duro il Movimento 5 Stelle, ma resta isolato

  1. Ezio Aletti il 29 novembre 2013, ore 11:03

    non c’era molto da dire…acqua passata non macina più

Rispondi