Varese

800 bambini a Marcia Diritto. E’ la Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia

OLYMPUS DIGITAL CAMERAUna bellissima manifestazione, questa manifestazione. Con tanti bambini, tanto entusiasmo, per ribadire che i bambini hanno i loro diritti e guai a dimenticarcene. Un grande evento che aveva per titolo Marciadiritto e che ha visto giungere in marcia ottocento ragazzi di una ventina di scuole dell’infanzia e primarie del Distretto di Varese e non solo (nella foto). Si è trattato dell’appuntamento clou del cartellone E…venti in città, un ricco programma di iniziative organizzato, ancora una volta, con intelligenza e passione, in occasione della Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Gli appuntamenti sono partiti il 14 novembre e si concluderanno sabato 23.

Una grande partecipazione, gioiosa e rumorosa, che vede mobilitati alunni, maestre, genitori, volontari, Alpini, gli attori della Zattera. Tanti bambini per ribadire che i bambini hanno i loro diritti ed è importante ribadirli. Come dice l’assessore a Persona e Famiglia, Enrico Angelini, “è importante garantire i diritti dei più piccoli, con forza e grande impegno”. Continua Angelini, che saluta i bambini e riceve un applauso: “In una fase difficile e di crisi come quella attuale ci sono tipologie di persone a rischio. Si tratta dei soggetti più deboli come i bambini. Per questo, come Comune, in collaborazione con Unicef, vogliamo lanciare una Authority a difesa dell’infanzia e dell’adolescenza”. Presente anche il bravo Samuele Astuti, sindaco di Malnate, che ricorda che “gli adulti hanno perso la strada, la devono ritrovare e i bambini li possono aiutare”.

Quando arrivano, marciando sotto la pioggia, ma ben attrezzati con impermiabili, mantelle ed ombrelli, i bambini festeggiano nel Cortile d’onore mentre smette di piovere. Li attende il cioccolato caldo distribuito dagli Alpini della Sezione di Varese, come sempre dispononibili e bravissimi nel lavorare anche in condizioni difficili.

Interviene anche una esponente di Unicef, Tina Ruggero, che rilancia un tema importante: quello della cittadinanza onoraria che i Comuni possono conferire ai bambini di stranieri nati nel nostro Paese. “Sono stati in tutta Italia 30 mila i ragazzi che l’hanno ricevuta e 8100 i Comuni ai quali è stato chiesto – spiega la Ruggero -. Una giornata come questa è importante per sensibilizzare su questi temi anche le Amministrazioni comunali”.

Una bella giornata, che vede presenti tante scuole, e tra queste anche i bambini di Cardano al Campo, invitati a ricordo della grande Laura Prati sindaca di Cardano morta nel compiere la propria missione di amministratore locale. Una che ai diritti ci credeva davvero, senza retorica, ma con un pizzico di democratica ostinazione.

 

FOTO

20 novembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi