Varese

Varese, Fratelli d’Italia verso gli Stati generali. Entra il sindaco Pellicini

OLYMPUS DIGITAL CAMERATesseramento al via per Fratelli d’Italia. Si sono costituiti, nei mesi scorsi, gli organismi dirigenti e ora il partito di Giorgia Meloni e di Ignazio La Russa guarda avanti. Anche a Varese (nella foto i vertici provinciali e regionale), come sottolinea Dario Frattini, assessore alle Politiche sociali a Gemonio ed esponente della costituente provinciale di Fratelli d’Italia. Insieme a Luigi Roi, portavoce della costituente provinciale e consigliere comunale a Barasso, Frattini dichiara di essere passato sotto le insegne di Fratelli d’Italia. “E poi esprimo a nome di tutti la nostra solidarietà verso i due marò italiani ancora detenuti”.

Luigi Roi rimarca che “il partito, da febbraio ad oggi, si è dato una organizzazione, creando costituenti provinciale affiancati da direttivi provinciali. C’è poi la costituente regionale”. Ora il partito lancia una serie di iniziative per i prossimi tempi. Dice Roi: “Nel mese di novembre organizzeremo gazebo per raccogliere adesioni, oltre che firme contro amnistia e indulto”. Passaggio ulteriore, il lancio di un grande momento di confronto: a fine gennaio sono in programma gli Stati generali di Fratelli d’Italia.

Nel frattempo una serie di esponenti politici di Luino aderiscono ad Officina per l’Italia, il cantiere lanciato da Fratelli d’Italia per allargare i confini della destra. Ad aderire all’Officina sono il sindaco di Luino Andrea Pellicini, insieme a tre consiglieri della sua maggioranza: Alessandro Malnati, ex Azione Giovani e già vicecoordinatore provinciale del Pdl, l’avvocato Simona Ronchi, entrata in Consiglio comunale come indipendente, e Mario Contini, storico presidente di An a Luino. “Guardiamo ad una destra più moderna – dice Pellicini -, lontana dai miti del passato”. “Noi, a differenza della sinistra – continua Pellicini -, non vogliamo salvare il mondo, ma risolvere i concreti problemi dei cittadini”. No a Forza Italia: lo pronuncia forte e chiaro Malnati. Dice: “i miei valori e le mie aspirazioni sono altre”.

A Varese arriva da Milano anche Paola Frassinetti, ex deputata Pdl, ora portavoce della costituente regionale della Lombardia. “Per noi l’esperienza di An è finita. Ora è il momento di organizzare primarie di coalizione e per scegliere i deputati”. Chiaro il messaggio della Frassinetti, rispetto a Officina per l’Italia. “Siamo disponibili ad aprire la nostra fase due, come avverrà il 17 novembre a Roma – continua la Frassinetti – coinvolgendo forze politiche diverse. E siamo pronti anche a introdurre cambiamenti nel simbolo. Ma nessun cambiamento sul leader: deve restare Giorgia Meloni”.

 

8 novembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, Fratelli d’Italia verso gli Stati generali. Entra il sindaco Pellicini

  1. lorenzo3 il 10 novembre 2013, ore 17:53

    contro i previlegi e i lauti stipendi dei politici, per la diminuzione dei parlamentari e consiglieri comunali, contro i poteri forti, contro le regioni a statuto speciale e contro le provincie che sono un serbatoio di soldi ; queste debbono essere le richieste principali dei partiti seri per poter chiedere poi sacrifici agli italiani….

Rispondi