Varese

Nasce Sos Varese, associazione anti-racket. In campo anche Confesercenti

OLYMPUS DIGITAL CAMERAA presentare questa mattina “SOS Varese” – Associazione nazionale a supporto delle vittime di usura, estorsione, mafia, terrorismo, ingiustizia sociale, l’assessore a Famiglia e Persona Enrico Angelini, il presidente Walter Piazza, il presidente di Confesercenti Varese  Cesare Lorenzini, insieme agli altri componenti dell’associazione: Lorenzo Magnolo, luogotenente dei Carabinieri in pensione, l’avvocato Giovanni Agnifili, il commercialista Giulio Celesti, il volontario Marouane Mabchour e la responsabile pubbliche relazioni Piera Cesca (nella foto l’assessore Angelini con i promotori dell’associazione).

L’associazione, riconosciuta dal Comune, è senza finalità di lucro, e come si legge nello statuto, ha lo scopo “di dare solidarietà alle vittime in generale, di stalking, di molestie in generale alle donne, alle vittime di organizzazioni mafiose e della criminalità organizzata, di usura e di estorsione e di terrorismo, di ingiustizia sociale, con iniziative mirate alla diffusione delle buone regole; di dare aiuto e sostegno prima, durante e dopo le denunce nel rispetto della legge”.

“Si tratta di un’iniziativa autonoma ed indipendente nata da cittadini che hanno avvertito un pericolo – ha spiegato l’assessore -: il Comune sostiene l’avvio di questo percorso, soprattutto dal punto di vista della prevenzione sul fronte educativo. Insieme potremo organizzare incontri nel mondo della scuola per sensibilizzare sul tema”. “Saremo sempre disponibili a impegnarci su questo fronte importante”, ha sottolineato il presidente di Confesercenti di Varese, Cesare Lorenzini.

Il presidente Piazza e il vicepresidente hanno sottolineato il “carattere informativo e divulgativo, non investigativo”. “Sono certo che gli associati lavoreranno con serietà e lealtà – precisa Piazza -: l’idea di dare vita all’associazione nasce da storie di emarginazione che abbiamo raccolto e che possiamo esaminare. Non c’è una vera emergenza, vogliamo aiutare le persone a segnalare episodi o anomalie, ma ci fermiamo qui, per il resto ci sono le forze dell’ordine”. “Il nostro vuole essere un aiuto a livello informativo e di consigli – aggiunge il vicepresidente -: ho prestato servizio nell’Arma dei Carabinieri per 36 anni, voglio portare la mia esperienza. Non ci sono gravi problemi a Varese, ma l’attuale crisi fa crescere la preoccupazione”.

Tra le finalità dell’associazione: contribuire ad aumentare la fiducia dei cittadini verso le istituzioni, organizzare iniziative per diffondere la cultura, assicurare lo sviluppo del commercio, del turismo, dell’imprenditoria nel rispetto della legalità e della salvaguardia dell’ambiente.

 

8 novembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi