Varese

Varese, al via “Generazione d’Industria”, ponte Univa tra scuola e imprese

P1050384Presentato questa mattina “Generazione d’Industria”, progetto promosso dell’Unione degli Industriali della Provincia di Varese e sostenuto da un protocollo d’intesa firmato insieme alla Provincia di Varese e all’Ufficio Scolastico Territoriale di Varese. Partito su iniziativa del Gruppo merceologico delle imprese “Meccaniche” e delle imprese “Siderurgiche, Metallurgiche, Fonderie” il progetto si è poi esteso anche al settore del “Terziario Avanzato”. 

La prima finalità è di favorire l’interscambio culturale tra mondo produttivo e scuola. Un salto di qualità rispetto al concetto dell’alternanza scuola-lavoro. L’obiettivo, infatti, non è solo quello di aprire i cancelli delle imprese agli studenti, ma anche quello di aprire le porte degli istituti tecnici al contributo fattivo delle imprese. In questo senso il progetto interpreta la volontà del sistema scolastico e del sistema delle imprese di agire da protagonisti nella formazione delle giovani generazioni, nel rispetto delle distinte competenze e responsabilità. Insieme, dunque, per far crescere l’interesse degli studenti, la professionalità dei docenti, la qualità della scuola e la capacità delle imprese di farsi carico dei giovani, anche premiando i più meritevoli con borse di studio.

Per dare continuità all’azione, “Generazione d’Industria” è stato pensato da subito come un progetto pluriennale. Il via è stato dato con l’anno scolastico 2011/2012. Quella che parte in queste settimane è, dunque, la terza edizione.
Come ogni anno il Progetto “Generazione d’Industria” viene rilanciato a ridosso della Manifestazione Nazionale Orientagiovani, organizzata da Confindustria per guidare i ragazzi, che stanno per terminare il ciclo di studi superiori, nelle scelte relative il proprio futuro professionale.

Nei primi due anni del Progetto si sono registrati: 55 studenti avviati in stage; 60 ore di formazione per l’aggiornamento dei docenti delle scuole; 26 incontri di confronto tra imprenditori e rappresentanti delle scuole; 8 visite aziendali che hanno coinvolto dirigenti scolastici e professori; 54 studenti premiati con borse di studio consegnate al termine dei due anni scolastici (27 ogni anno); 48.600 il valore totale in euro delle borse di studio consegnate fino ad oggi.

Gli “Stage Plus”. Per quanto riguarda le esperienze dei ragazzi in azienda, è stata sperimentata e verrà portata avanti la formula dello “stage curriculare lungo”. Lo scopo è di ottimizzare l’impegno delle imprese che accolgono gli studenti con stage di lunga durata per gli allievi delle classi quarte e quinte. Il tutto con la possibilità di proseguire l’esperienza durante il periodo estivo. Gli stage sono riservati ad un numero limitato di ragazzi, selezionati dalle scuole insieme alle imprese. I ragazzi possono così svolgere progetti di tesi in azienda da portare all’esame di stato.

Le imprese a scuola. Non è solo la scuola ad andare verso l’industria. Anche le imprese si muovono verso gli istituti. Letteralmente e fisicamente. Gruppi selezionati di studenti sono coinvolti in corsi tenuti dalle aziende sia in orario scolastico, sia extrascolastico. Per le lezioni sono utilizzati i laboratori scolastici e, laddove questi fossero assenti, o non adatti allo scopo dell’insegnamento, ci si sposta all’interno delle imprese.

La formazione dei docenti. Obiettivo del progetto è anche quello di offrire opportunità di aggiornamento ai docenti con visite nelle aziende e incontri con il loro personale. Alcune imprese si sono dette disposte anche a coinvolgere i professori nella partecipazione a quei corsi che vengono organizzati per i propri dipendenti sui temi ad esempio della lean production, della qualità, della sicurezza nei luoghi di lavoro.

Partnership scuole/imprese. Le imprese che aderiscono a “Generazione d’Industria” costituiscono il cosiddetto “Gruppo Scuola”. Far parte di questo gruppo di coordinamento vuol dire designare una propria risorsa alla cura di tutte attività legate al Progetto. Ogni impresa sceglie la propria scuola partner e con essa programma le varie iniziative.

Borse di Studio. Al termine di ogni anno scolastico le imprese e l’Unione Industriali premiano 27 studenti (3 per ogni istituto tecnico della provincia aderente) ritenuti più meritevoli.

LE 20 AZIENDE CHE ADERISCONO A “GENERAZIONE D’INDUSTRIA” 2013/2014

Adr
BTicino
Btsr International
Ceai Elettronica
Comerio Ercole
Elmec Informatica
Ficep
Imeas
Imf – Impianti Macchine Fonderie
Mazzoni LB
Pangborn Europe
Pomini Tenova
Rettificatrici Ghiringhelli
Riganti
Samic
Sices Group
Silvio Fossa
Sofinter Group
Spm
Whirlpool

FANNO PARTE DEL PROGETTO I 9 ISTITUTI TECNICI STATALI DEL TERRITORIO

Isis Luino
Isis Varese
Isis Gazzada Schianno
Isis Tradate
Itis di Saronno
Ipsia di Saronno
Isis Castellanza
Isis Gallarate
Iis Sesto Calende

7 novembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi