Varese

Varese, il Liceo Cairoli organizza una giornata di studi su Albert Camus

the-famous-pose-of-albert-camus1Il Liceo Classico Statale “Cairoli” di Varese presenta una giornata di studi dedicata allo scrittore Albert Camus (1913-2013) giovedì 7 novembre, in occasione del centenario della nascita. La giornata si svolgerà, dalle 9 alle 13,30, presso l’Aula Magna dell’Università dell’Insubria in via Ravasi 2 a Varese.

La giornata di studi ha per titolo “Albert Camus (1913 – 2013). La pensée de midi”.  E ha questo programma: ore 9,00 Presentazione della Journée Albert camus Prof. Carlo Zerba; ore 9,30 Prof.ssa Alessandra Mita  ”Albert Camus e “la question fondamentale de la philosophie”; ore 10,00 Prof. Carlo Perelli “Gli studi universitari di Camus”;  ore 10,30 Madame Claudie Pion, “Attachée de coopération pour le français, Lombardie-Piémont- Vallée d’Aoste-Ligurie”; Ambassade de France en Italie Institut français Milano, “Lecture d’un extrait tiré de «L’été»”; ore 11,00 Prof. Enzo Laforgia “Camus e l’Algeria”; ore 11,30 Dott. Francesco Morosi “L’eroe assurdo tra Sisifo e Nietzsche”; ore 12,00 Prof.ssa Carla Soresina presentazione di alcune scene, in francese con sottotitoli in italiano, tratte dal film “Le premier homme” di Gianni Amelio.

Il convegno è stato realizzato in collaborazione con la Bibliothèque Méjanes d’Aix-en- Provence et Catherine Camus , con l’Institut Français di Milano, con l’Università dell’Insubria di Varese, a cui gli organizzatori rivolgono un sentito ringraziamento.

 

5 novembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Varese, il Liceo Cairoli organizza una giornata di studi su Albert Camus

  1. ester il 6 novembre 2013, ore 11:06

    interessante iniziativa!AnnaBiasoli

  2. Salvatore Statello il 7 novembre 2013, ore 12:34

    Complimenti agli Studenti e ai Docenti!!!
    Per commemorare tale evento, anche l’Archeoclub d’Italia, sede di CATANIA, l’11 dicembre p. v., ha organizzato il seguente incontro: “La ricerca della ‘santità senza dio’ in Albert Camus e in Antero de Quental”. Tale argomento è ancora di grande attualità, basta ricordare il dibattito di questi giorni tra Eugenio Scalfari e Papa Francesco. Salvatore Statello

Rispondi