Varese

Il futuro dell’informazione tra web e carta stampata al Rotary Varese Ceresio

2013-11-04 23.15.05Partecipato e vivace il dibattito organizzato, presso il Panorama Golf di Varese, dal Rotary Club Varese Ceresio presieduto da Alfonso Minonzio: al centro dell’attenzione il presente e il futuro della comunicazione e dei media a Varese tra carta stampata e web (nella foto un momento della serata).

Relatore della serata il direttore del quotidiano on line Varesereport, Andrea Giacometti che, dopo la cena e una breve introduzione del presidente Minonzio, ha illustrato ai soci del Rotary il percorso che, sul nostro territorio, ha registrato un cambiamento significativo negli ultimi anni, quando la comunicazione on line ha preso piede affiancandosi e competendo con i giornali cartacei.

Una nuova informazione è così apparsa sul mercato, con notizie date in tempo reale, una forte capacità di interagire con il lettore, una flessibilità che non caratterizza la carta stampata, un popolo di lettori costituito soprattutto dalle giovani generazioni.

Un percorso, quello proposto dal direttore di Varesereport, che ha illustrato anche il moltiplicarsi di media sul territorio, una realtà che offre ai lettori l’opportunità di attingere notizie da più fonti, confrontandole tra loro e cercando di raggiungere un’informazione più diversificata.

E tuttavia restano parecchi interrogativi sul futuro dell’informazione locale. La crisi del mercato pubblicitario, l’assenza di finanziamento pubblico, un condizionamento del potere politico ed economico rendono incerto anche il futuro delle notizie via web, che comunque costituiscono una sfida per i giornali cartacei.

Dopo la relazione del direttore di Varesereport, si è svolto un confronto che ha visto i soci del Rotary porre parecchie domande al relatore, dando vita ad un vivace e ampio dibattito.

 

5 novembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Il futuro dell’informazione tra web e carta stampata al Rotary Varese Ceresio

  1. giancarlo angeleri il 6 novembre 2013, ore 21:24

    Grande Andrea! Sincero come sempre

Rispondi