Regione

Regione, contratti di solidarietà, la ricetta anti-crisi del Pd al Pirellone

alfieriL’opposizione lancia la sfida a Maroni sul terreno del lavoro con la presentazione di un progetto di legge per promuovere i contratti di solidarietà. “L’ambito più critico è, oggi, proprio quello del lavoro e proprio per questo noi del Pd abbiamo preso l’iniziativa di portare all’attenzione del Consiglio regionale una proposta concreta e sperimentale, per parlare ai lavoratori e alle aziende” ha detto il capogruppo Alessandro Alfieri (nella foto) oggi in conferenza stampa.

I contratti di solidarietà sono rivolti sia alle imprese in crisi che a tutte quelle che vogliono attrarre nuova occupazione. “Ci sono esperienze analoghe in altre regioni, come Toscana e Friuli – ha spiegato il consigliere Enrico Brambilla che sarà relatore del provvedimento – . La cassa integrazione in deroga è stata importante per tamponare l’emergenza, ma i contratti di solidarietà presentano meno svantaggi e danno impulso all’occupazione perché costano di meno alla fiscalità generale e lasciano il lavoratore in azienda, senza diminuire i livelli occupazionali”.

Anche per il consigliere Onorio Rosati il ricorso a questo nuovo strumento è una proposta qualificante che eviterebbe il distacco di centinaia di lavoratori dall’ambiente di lavoro e favorirebbe la creazione di nuovi posti in un momento come questo, in cui la situazione occupazionale in Lombardia resta critica. “Questa misura, se approvata dal Consiglio regionale, rappresenterebbe la prima vera risposta concreta scelta da Regione Lombardia, insieme al rifinanziamento della CID, ai temi della crisi”.

 

30 ottobre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi